foto_felpa_maternità

Boba Hoodie: la felpa pensata per mamma e figlio

Forse vi è capitato di vedere per le strade, durante quest’inizio di stagione fredda, delle mamme sempre più simili nel vestiario a dei canguri, ma chiariamo che il paragone viene fatto in quanto queste donne indossano la nota Boba Hoodie, ossia la grossa e tenera felpa che fa tendenza e spopola fra le donne con prole a seguito.

A parte il lato fashion del particolare indumento, si può effettivamente considerarne l’utilità: essendo perfetto durante la gravidanza a causa della sua capienza, ed indispensabile una volta diventate madri per via della tasca centrale capace di contenere il neonato senza ricorrere a fasce o marsupi.

Grazie alla sua apertura, sia anteriore sia posteriore, il bambino può esser portato sulla schiena e sul petto, favorendo il baby wearing. Infine la felpa presenta doppio cappuccio, uno per la mamma e uno per il neonato.

Indossarla è molto facile: la felpa si chiude tramite una zip a scomparsa, posta sul fianco, da aggiungere al resto del tessuto proprio una volta nato il pargolo, altrimenti prima viene indossata come capo premaman. Alla fine delle maniche ci sono dei buchi per i pollici delle mani della mamma, insomma il capo risulta pratico ed utile oltre che piacevole da indossare, specie nelle mezze stagioni.

Il calore è così assicurato soprattutto per il bebè, che generalmente durante le giornate fredde non si sa mai come regolarsi per farlo uscire a causa della paura di non coprirlo adeguatamente. Per ora la Boba Hoodie è acquistabile solo in rete, ma molte donne anche se non hanno figli, la comprano per portar a spasso e tenere così con sé i loro piccoli animali domestici.

La felpa è prevalentemente di pile e risulta molto morbida, i tessuti sono quindi tutti certificati e controllati e ciò perché ovviamente vanno a contatto con la pelle dei neonati. Insomma si tratta di un indumento certamente destinato ad aver sempre più successo e che vedrà un maggior commercio fra le neo madri pronte a tenere come in un abbraccio il proprio figliolo, instaurando maggiormente il contatto pelle a pelle.