foto_brasile

Bimbo di 9 anni torturato e decapitato, la madre: “Era peso economico”

La storia shock

Fa rabbrividire ed indignare la storia proveniente da Samambaia, regione amministrativa del Distretto brasiliano, a circa 20 miglia dalla capitale Brasilia. Il piccolo Rhuan Maycon, di soli nove anni, è stato prima segregato, poi torturato e decapitato dalla madre, che è stata arrestata.

I fatti

La drammatica storia è stata riportata da Counting Stars, ma ha immediatamente fatto il giro del web. Ad uccidere il piccolo sarebbe stata la mamma ventisettenne Rosana Da Silva Auri Candido con la complicità della sua compagna, la ventottenne Kacyla Priscyla Santiago Damasceno. La coppia, omosessuale, avrebbe infatti costretto il bambino a vivere i suoi ultimi cinque anni nel segno delle torture e delle violenze, fino alla terribile decapitazione.

foto_coppia_brasile

Leggi anche: Scopre che il figlio di 3 mesi non è suo e lo uccide brutalmente: la storia shock

Al bambino, secondo il quotidiano locale, veniva impedito anche di andare a scuola e farsi degli amichetti. La ‘colpa’ del bimbo sarebbe stata quella di essere una sorta di peso economico per la coppia, che in un primo momento ha tentato anche di dissimulare il delitto.

L’assurda motivazione

La mamma del bambino infatti aveva denunciato la scomparsa del piccolo Rhuan, che in realtà era stato atrocemente ucciso. Sembra che nel corso degli anni precedenti la madre del bambino – se tale si può definire – e la sua compagna lo avessero privato del pene.

Il delitto invece sarebbe avvenuto strappandogli via la pelle dalla faccia e gli occhi, prima della decapitazione. Le due hanno poi fatto a pezzi il povero corpicino del bimbo, nascondendolo nelle valigie nel tentativo di liberarsene definitivamente. A spingere la coppia all’assurdo e indicibile gesto, sarebbero state le spese che il bimbo, come ogni coetaneo della sua età, richiede.

Leggi anche: Babysitter uccide bimba di 22 mesi picchiandola senza pietà: la storia shock

foto_bimbo_decapitato

La donna aveva perso la custodia dei figli

Stando a quanto riportato dalla tv locale Globo pare che Rosana Auri da Silva avesse perso la custodia degli altri figli avuto con l’ex compagno cinque anni prima: ecco perché avrebbe deciso di rapirli e fuggire con loro e con la sua attuale ragazza, con cui si è stabilita a Samambaia circa due mesi fa.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *