foto_fiume_Tongjia_bimbi_morti

Bimbo cade nel fiume, gli amichetti si tuffano per salvarlo: muoiono in otto

Tragedia in Cina

Bimbo cade nel fiume, gli amici si tuffano per salvarlo e alla fine perdono la vita, in otto. È successo in Cina, in particolare nel corso d’acqua che attraversa il villaggio cinese di Tongjia. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, le vittime sarebbero tutti alunni della scuola elementare della cittadina di Mixin.

I fatti

Come riportato dai media locali, i fatti si sarebbero verificati intorno alle 15.30 locali. Le vittime – la maggior parte delle quali femmine – volevano passare la giornata in compagnia lungo il fiume, per giocare insieme. All’improvviso uno di loro sarebbe caduto accidentalmente in acqua: gli altri sette bimbi non ci hanno pensato due volte e si sono immediatamente tuffati nel tentativo di salvarlo.

foto_bimbo_cina_cade

Leggi anche: Bimbo muore annegato in piscina durante festa di nozze: gli adulti soccorrevano una bimba

Purtroppo, per il gruppo di amici non c’è stato niente da fare: gli otto corpicini sono stati ritrovati all’alba di lunedì mattina, dopo ore di ricerche nate in seguito alle segnalazioni dei familiari. Al momento non è noto se i bambini fossero membri dello stesso nucleo familiare, o se fossero soltanto amici.

Restano ignote, al momento, anche le cause dell’incidente che ha portato alla caduta in acqua del bimbo. Secondo le autorità locali, non sarebbero da escludere le battenti piogge che in questi ultimi giorni hanno colpito la regione cinese.

Annegamento: allarme in Cina

Il caso pone l’attenzione sul decesso per annegamento che, in Cina, è la principale causa di mortalità tra i bambini di età inferiore ai quattordici anni. A dirlo è l’Organizzazione mondiale della Sanità, che ha stimato circa 57mila vittime ogni anno per questa causa.

foto_fiume_cina

Leggi anche: Napoli, bimbo annega in piscina abusiva: accertamenti su papà e sorella

Uno degli ultimi casi analoghi si è registrato lo scorso agosto: in quella occasione furono quindici bambini, nell’arco di una settimana, a perdere la vita giocando vicino corsi d’acqua o semplicemente facendo il bagno.