foto_rottweiler

Bimba di un anno sbranata dal cane di famiglia: è stato abbattuto

Choc in Francia, dove una bimba di poco più di un anno è stata sbranata dal cane di famiglia. Secondo Leggo.it, l’animale – un rottweiler di grossa stazza – avrebbe letteralmente divorato la piccola. Il fatto è accaduto a Saint-Aubin nell’Aisne, una cittadina che ora è sconvolta dall’accaduto.

Bimba di un anno sbranata dal cane di famiglia: è stato ucciso

Secondo fonti autorevoli l’animale sarebbe “saltato addosso alla bambina e l’avrebbe morsa a livello della testa“. È quanto avrebbero spiegato le autorità francesi, che hanno aperto un’inchiesta per stabilire le circostanze del dramma.

Secondo le prime ricostruzioni fatte dagli investigatori, la piccola di soli 14 mesi si trovava in braccio alla mamma nel cortile di casa. A quel punto uno dei due rottweiler di famiglia sarebbe saltato sulla piccola mordendola mortalmente. In seguito al tragico incidente, la famiglia della piccola avrebbe deciso di abbattere il cane, che è diventato l’assassino della figlia.

Questo non è né il primo né l’ultimo caso analogo a quello francese. Solo in Italia lo scorso anno si sono registrate moltissime morti dovute ad una ferocia improvvisa di cani di proprietà. Tristemente memorabile, è il caso di un bimbo di 18 mesi che l’agosto scorso è stato ucciso dai suoi due dogo argentini.

Cambiano i protagonisti, ma lo scenario è lo stesso: come nel comune francese, cosi in quello italiano una mamma teneva in braccio suo figlio in giardino quando, all’improvviso, “ha aggredito il piccolo cercando di portarmelo via. L’ho difeso, ho combattuto, ma mi ha trascinata sul giardino. Poi sono riuscita a chiudere il cane e sono fuggita fuori casa urlando, chiedendo aiuto con mio figlio tra le braccia, ma è stato tutto inutile“.

In quel caso, come fa sapere La Repubblica, i due cani erano stati portati in un canile privato; i genitori francesi hanno invece di abbattere il rottweiler.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *