foto_vaccino_meningite

Bambino ricoverato per meningite: il vaccino lo ha salvato

Migliorano le condizioni di salute del bambino di tre anni di Fucecchio, in provincia di Firenze, colpito da meningite. Secondo quanto dichiarato dai medici alla stampa il piccolo sta bene, è vigile e sta rispondendo bene alle terapie.

Stando alle prime informazioni sanitarie disponibili, il bambino è riuscito a salvarsi grazie al vaccino per il meningococco C, effettuato due anni fa. In questo caso il vaccino è stato fondamentale per la salvezza del piccolo, in quanto ha bloccato il diffondersi dell’infezione nel corpo.

Gabriele Mazzoni, responsabile dell’Unità funzionale igiene pubblica della zona empolese, ha spiegato al quotidiano La Nazione che la meningite è ancora presente in diverse aree d’Italia quali Firenze, Pisa, Prato, Pistoia e nell’Empolese-Valdarno Inferiore, ma c’è da tenere conto che il vaccino funziona, è perfettamente in grado di proteggere i nostri figli dalle malattie.


Leggi anche: Non vaccinare i bambini, ecco cosa si rischia


L’esperto ha aggiunto che i vaccini moderni continuano a migliorare visto che sono depurati e non contengono alcun tipo di cellula pericolosa.

Mentre il bambino di Empoli sta reagendo bene alle cure dei medici, non ce l’ha fatta un bebè di 18 mesi, morto a Catania tre giorni dopo aver fatto il vaccino anti meningite. Sembra però che per il piccolo non sia stato fatale il vaccino bensì una compressa di tachipirina presa per contrastare la febbre. Le dinamiche della tragedia verranno chiarite definitivamente solo con l’autopsia già richiesta dagli inquirenti.