foto_bambine

Bagno dopo aver mangiato: si può fare solo in alcuni casi

Mai fare il bagno dopo mangiato: è questo uno dei detti più popolari, che accompagnano grandi e piccini da sempre. In realtà ci sono a volte delle possibilità di tuffarsi tra le onde dopo aver consumato un pasto. In particolare, quando si pranza leggeri, magari con uno spuntino a base di frutta o di yogurt. In questi casi i bambini devono comunque evitare di fare nuotate intense, oppure di tuffarsi in acque troppo fredde, per scongiurare il pericolo congestione.

Il bagno in piscina o al mare è altamente sconsigliato dopo che si è mangiato in maniera pesante, con troppi grassi e proteine, e porzioni troppo abbondanti.

In questo caso servono più di tre ore di pausa tra il pasto e un tuffo. Per questo, considerata anche la voglia che i bambini hanno di stare sempre a mollo, è bene non far mangiare al piccolo alimenti troppo pesanti.

Sono da evitare, inoltre, bevande e cibi freddi, che possono incappare nel rischio congestione.

E’ preferibile, invece, mangiare all’ombra o digerire in posti ventilati in quanto la digestione sarà più rapida e il bagno al mare potrebbe arrivare più velocemente.

Se il bambino si limita a giocare sul bagnasciuga dopo mangiato non ci sono problemi, ma va sempre ricordato di proteggerlo dai raggi solari con l’apposita protezione.