foto_rafael_alexandra

Avvelena il figlio e fa sparire il corpo: il gesto atroce di una mamma

Mamma avvelena il figlio, fa sparire il corpo e finge la sua scomparsa

Ha avvelenato il figlio di undici anni, facendo poi sparire il corpo e fingendone la scomparsa. È quanto compiuto dalla mamma della piccola vittima, Alexandra Dougokenski che, dopo giorni di indagini, ha confessato l’atroce delitto. I fatti risalgono a circa una decina di giorni fa, e sono avvenuti in Brasile.

I fatti

Poco più di una settimana fa, una donna della città di Planalto denuncia alla Polizia la scomparsa del piccolo Rafael Mateus, il figlioletto di undici anni. Alexandra, in particolare, racconta di essersi svegliata e di non aver trovato suo figlio a letto. A quel punto, scattano immediatamente le indagini e le ricerche, prima della scoperta di una realtà ben più drammatica.

Leggi anche: Chiude il figlio nell’auto e gli dà fuoco: bimbo grave, ma è vivo

foto_bimbo_avvelenato

Il bambino, infatti, non era scomparso ma era stato ucciso dalla stessa donna. A destare sospetto le tracce di sangue rinvenute nell’abitazione della donna. Non solo: macchie di sangue del bimbo sono state ritrovate anche nell’auto del patrigno di Rafael. Dopo giorni di indagini, gli inquirenti hanno infine ritrovato il corpo di Rafael avvolto in un lenzuolo all’interno della vecchia casa di famiglia, ad oggi abbandonata.

La donna ha confessato l’atroce delitto

La donna, interrogata, è crollata confessando agli agenti di aver ucciso il figlio dopo la somministrazione di psicofarmaci. Il piccolo infatti, a suo dire, soffriva di problemi emotivi gravi: ecco perché, con i psicofarmaci, sperava di poterlo calmare. Poi, in preda al panico e alla paura, ha ammesso di averne occultato il cadavere, fingendone la scomparsa.

Leggi anche: Mamma dà fuoco al figlio autistico perché convinta fosse un cannibale

foto_rafael_mateus

L’avvocato di Alexandra ha dichiarato che la donna non aveva intenzione di uccidere il figlio. Il legale, Jean Severo, ha rilasciato un’intervista dicendo infatti che si è trattato

di una tragedia, una fatalità

Ora la donna è in custodia temporanea, ma la la polizia civile può richiedere la sua detenzione preventiva. L’accusa è quella di omicidio colposo.