foto_doccia_bimbi

A che età i bambini possono fare la doccia da soli

Molti bambini adorano il contatto con l’acqua, per altri è un vero e proprio incubo. Il momento della doccia può essere però divertente e giocoso oltre che diventare una vera e propria conquista. L’intimità con il proprio corpo, e la messa in atto di un comportamento del tutto nuovo, entusiasma i piccoli che, dal bagnetto nella vasca con l’ausilio della mamma, possono passare alla pratica doccia, sentendosi già grandi. Ma quando i bambini possono cominciare a fare la doccia da soli?

Normalmente, il periodo giusto si colloca intorno ai 7 anni, età in cui si diventa maggiormente consapevoli di alcuni dei pericoli che possono incorrere mentre si è sotto la doccia come per esempio scivolare, mandarsi la schiuma negli occhi oppure scottarsi con il getto dell’acqua troppo calda. Per le mamme, è una vera e propria liberazione che il proprio figlio diventi autonomo facendosi la doccia da solo.

Ovviamente, la supervisione a distanza di un adulto durante il momento della doccia è d’obbligo, in quanto sarà utile non solo per tenere sotto controllo la situazione, ma anche per poter fornire alcuni preziosi consigli al bambino: come passare la spugna su ogni parte del corpo senza trascurare il collo o le ascelle spesso dimenticati, strofinare per bene i capelli durante lo shampoo, regolare la temperatura dell’acqua ecc.

Anche per i bimbi più svogliati e meno amanti dell’acqua, la doccia può diventare un piacevole rituale. Per loro rappresenta un traguardo importante fare la doccia senza l’aiuto della mamma: quello del raggiungimento dell’autonomia. Prima di iniziare, le prime volte occorre educare i bambini che prendersi cura della propria igiene personale è importante e necessario.

Occorre insegnare loro alcuni suggerimenti come:

  • riporre gli indumenti sporchi nel cestone della biancheria da lavare;
  • sistemare quelli puliti da indossare dopo la doccia sempre nel bagno, piuttosto che in un’altra stanza (per evitare sbalzi termici);
  • avere sempre l’accappatoio a portata di mano, per non sentire i brividi appena usciti dalla doccia;
  • mettere puntualmente  le ciabattine ai piedi per non scivolare.

Fare amare questo momento così intimo è cosa davvero facile, d’altronde a tutti piace la sensazione di sentirsi puliti e profumati, l’importante è non far vivere tale “passaggio” come una imposizione o forzatura, quando ci sono i ballo dei cambiamenti è necessario procedere per gradi.