foto_terme_bambini

A che età i bambini possono cominciare ad andare alle terme

In cerca di una vacanza o un semplice fine settimana da passare con i bambini? Si può provare con le terme, di gran voga negli ultimi anni. Rilassanti, terapeutiche e con tanti benefici, sia per i genitori sia per i figli. Prima di partire però ci sono degli utili accorgimenti da prendere.

Non tutti i bambini possono andare alle terme con mamma e papà. Nonostante non ci sia un’età minima per andare in località termali, di solito i pediatri lo sconsigliano sotto i due anni.

Quindi conviene aspettare che il piccolo sia un po’ più grande, scegliendo anche il periodo più giusto per le cure termali. Molto spesso, a causa di esigenze lavorative, si va alle terme nei mesi estivi, tra giugno e luglio. In realtà, il periodo ideale, soprattutto per i bambini, sarebbe l’inizio di settembre (quindi poco prima del rientro a scuola, per tornare più carichi e riposati del previsto) e ottobre.

In questo momento dell’anno si possono prevenire alcune infezioni delle vie aeree quali riniti, bronchiti, otiti, sinusiti, tonsilliti.

Ma alle terme con i bamibini ci si può andare anche in primavera, per contrastare i sintomi residui, come tosse e raffreddore, tipici dei mesi freddi.

Prima di scegliere una località termale è preferibile consultare il proprio pediatra, in modo da scegliere la migliore per le esigenze del piccolo. Non tutte le terme italiane sono attrezzate per accogliere i bambini, a differenza di altre che invece presentano vere e proprie aree ludiche. In più, è consigliabile scegliere un posto che sia attrezzato per i problemi specifici del piccolo.