foto attività bambini

6 attività da spiaggia per bambini

L’estate è arrivata

Finalmente è tempo di godersi le tanto attese vacanze: sognate e desiderate, spesso però i genitori devono anche essere in grado di accontentare i bambini. Anche i più piccoli necessitano di essere seguiti e tenuti impegnati in varie attività. Tra queste, ci sono i giochi pensati per i più grandi e alcuni che attireranno l’attenzione e scateneranno la fantasia dei bambini più piccoli. Tutte le attività proposte permetteranno ai genitori di godersi le preziose giornate di relax e avranno un successo assicurato

1. Giocare con la sabbia

Forse l’attività più in voga e conosciuta di sempre da far fare ai bambini in spiaggia è proprio quella di farli giocare con la sabbia. Infatti, questo gioco è perfetto sia per i bambini davvero molto piccoli e sia per quelli già più grandi. È necessario introdurre qualche piccola variazione nello svolgimento dei giochi e vedrete che i vostri figli passeranno anche ore immersi nella sabbia.
Per quanto riguarda i bambini più piccoli fino a 3 anni, bisogna sapere che questi provano mille emozioni a giocare e a manipolare la sabbia. In primo luogo, le sensazioni tattili offerte da tale materiale sono in grado di sviluppare e ampliare la loro percezione sensoriale: per tale motivo è consigliato lasciare i più piccoli liberi di toccare la sabbia, proponendo quella asciutta e calda e subito dopo quella umida e bagnata. Un secchiello, un altro secchiello ripieno di acqua, formine, paletta e rastrello sono sufficienti ai bambini più piccoli al fine di intrattenerli mentre mamma e papà stanno tranquillamente a riposarsi sotto l’ombrellone.
Il discorso cambia quando i bambini sono un po’ più grandicelli e necessitano di giochi con la sabbia più avventurosi e di movimento. In questo caso si possono costruire fantastici castelli di sabbia e addirittura fortezze dotate di ponte e circondate dall’acqua. Al contrario, per i più attivi giocare nella sabbia con la pista delle biglie permetterà loro non solo di fare amicizia con i vicini di ombrellone, ma anche di organizzare dei veri e propri tornei, riportando i genitori alla loro infanzia.

foto attività sabbia

Leggi anche: Bambini al mare: le infezioni da sabbia a cui stare attenti

2. Alla ricerca di conchiglie e pietre colorate

Anche la seconda attività da far fare ai bambini in spiaggia è decisamente versatile poiché riesce ad attirare l’attenzione di un target molto ampio, da quelli che hanno bisogno di andare in esplorazione con mamma e papà a quelli che possono tranquillamente essere lasciati liberi di andare alla ricerca da soli o in compagnia di coetanei.
La presenza di un adulto per i più piccoli è fondamentale anche perché il bambino potrebbe essere rassicurato sull’arrivo delle onde intorno alle caviglie, soprattutto se ancora non ha confidenza con l’acqua. Si può proporre l’attività a tutti come l’andare alla ricerca di tesori che il mare porta sulla spiaggia: non solo bellissime e preziose conchiglie dalle diverse forme e dimensioni, ma anche i vetri marini, le pietre colorate o perfettamente bianche e i legni marini. Può succedere durante il percorso e la camminata di imbattersi in qualche pesciolino o granchietto. Questo fatto altro non farà che accrescere l’attenzione dei bambini.
Infine, per quanto riguarda i figli più grandi e che hanno già sviluppato durante l’anno scolastico la tematica ambientale, si può cercare di raccogliere i rifiuti (bottigliette, sacchetti di plastica) per poi gettarli nei bidoni appositi.

foto spiaggia conchiglie

Leggi anche: Bambini e natura: uno studio dimostra i benefici a livello emotivo, psicologico e comportamentale

Più i bambini crescono e più è difficile per i genitori coinvolgerli in attività che siano ai loro occhi divertenti e avventurose. L’attività del piccolo archeologo da far fare in spiaggia al bambino è sicuramente vincente. Ovviamente è necessario che vostro figlio sappia già chi è l’archeologo e di cosa si occupa. Per questo motivo quest’esperienza viene consigliata almeno dai sei anni in poi.
I genitori possono delimitare un’area della spiaggia e nascondere in ordine sparso diversi oggetti preziosi per i piccoli. Questi oggetti possono essere formine, attrezzi per giocare in spiaggia, piccoli animaletti di gomma ma anche le palle delle bocce o quelle delle biglie. Successivamente ogni bambino che partecipa all’attività riceve un kit per poter scavare in autonomia: paletta, rastrello e un setaccio sono fondamentali e sufficienti, per chi volesse, anche una lente d’ingrandimento e un pennellino sono un’ottima idea.
In questo modo i bambini saranno impegnati per qualche tempo in un’attività entusiasmante e divertente che si ricorderanno anche una volta terminata la vacanza.

foto attività spiaggia

Leggi anche: Trenino nella Miniera del Temperino: come trascorrere una giornata divertente in Toscana

4. Leggere un libro

Nonostante vengano sempre proposte ai bambini attività incentrate sul movimento o sulle percezioni tattili, leggere un libro è sicuramente un’ottima idea per far rilassare i piccoli e lasciarli anche un po’ tranquilli dopo aver giocato a lungo.
Infatti, uno dei momenti più belli che ricorderanno i bambini sono proprio quei periodi di tranquillità e coccole passati sotto l’ombrellone. Tuttavia, alcuni bambini possono essere convinti con molta difficoltà a sedersi e prestare attenzione, per questo motivo viene consigliato di scegliere solamente titoli e letture inerenti la vita da spiaggia e l’estate in generale.
Per esempio, un bellissimo libro pensato appositamente per i bambini è “In spiaggia” di Susanna Mattiangeli che racconta la vita da spiaggia dal punto di vista di una bambina. Altre letture per bambini un po’ più piccoli sono “Sami in estate” ed “Estate con la nuvola Olga”. Per i più grandi, consigliassimo “Il piccolo regno. Una storia d’estate”, edizioni Bompiani.

foto attività libro

Leggi anche: Leggere ai bambini è importante per il loro sviluppo del linguaggio

5. Yoga

La quinta attività da far fare in spiaggia ai bambini è yoga. I più piccoli adorano imitare gli adulti qualsiasi cosa essi facciano. Molto particolare e indimenticabile è proporre al proprio figlio di fare yoga al mattino presto appena sorge il sole oppure in spiaggia verso l’ora del tramonto quando c’è più calma e tranquillità.
È bene mostrare ai bambini posizioni semplici e divertenti come quella del cane con la testa in giù. Per questo motivo i genitori potrebbero prepararsi una lista di posizioni ideali per poi replicarle in spiaggia. Non solo lo yoga è un’attività molto particolare e nuova per i più piccoli, ma permette anche ai bambini di vivere la spiaggia e il mare in maniera assolutamente diversa dalle ore centrali.
Nel primo video vengono approfonditi i benefici dello yoga anche sui bambini, dimostrando che questo non è uno sport solo per adulti. Nel secondo video invece, sono mostrate alcune delle posizioni più semplici e divertenti.

Leggi anche: Bambini agitati: cosa fare? 12 consigli pratici!

6. I gavettoni

I gavettoni sono la sesta e ultima attività da far fare in spiaggia ai bambini. Questo passatempo è in realtà sempre molto amato in qualsiasi occasione, ma diventa ancora più divertente in spiaggia.
I bambini più grandi possono preparare i gavettoni direttamente in spiaggia con il loro gruppo estivo di coetanei. Al contrario, dovranno essere la mamma o il papà a pensare alla realizzazione delle bombe d’acqua per i più piccoli.
È consigliato fare l‘attività dei gavettoni quando il luogo non è troppo affollato, dal momento che questo gioco è abbastanza movimentato.

foto attività palloncini

Leggi anche: Come trascorrere il Ferragosto con i bambini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *