foto_legame padre figlio

5 modi per costruire la relazione tra papà e neonato

Se il legame tra la mamma ed il suo bambino sembra naturale e incondizionato, quello tra il papà ed il neonato talvolta ha bisogno di alcuni incoraggiamenti e suggerimenti affinché il piccolo si senta, fin dai suoi primi giorni di vita, accolto ed amato anche dal suo papà. Ecco 5 modi per aiutare il papà ad instaurare un rapporto sereno e positivo con il piccolo.

  1. Parlare con il neonato
    Diversi studi hanno dimostrato che il ritmo e la cadenza della voce dei genitori è in grado di confortante e attrarre l’attenzione del piccolo. Parlare con il bambino, anche se si tratta di un dialogo a senso unico, rafforza il sentimento di appartenenza e contribuisce alla costruzione di un’emotività condivisa.
  2. Abbracciare il piccolo e metterlo a contatto con il proprio corpo.
    Abbiamo già parlato dell’importanza del contatto pelle a pelle anche con il papà. Questa relazione, intima e ravvicinata, non solo è alla base della costruzione del legame tra il bambino e suo padre, ma, secondo alcune ricerche, sembra possa addirittura favorire anche uno sviluppo più sano del piccolo. È stato dimostrato, infatti, che il contatto stimola il rilascio di ormoni che influiscono in modo benefico sulla salute e aiutano a regolare la temperatura corporea del bimbo. A questo riguardo, alcuni probabilmente si stupiranno di sapere che l’ossitocina, l’ormone rilasciato attraverso il tatto, è anche soprannominato “l’ormone legame.”
  3. Cambiare il pannolino
    Il cambio del bimbo può essere un lavoro noioso e routinario. Ma se si approfitta di questo momento per interagire con il piccolo, può diventare, invece, una buona opportunità di connettersi al bambino. Si può pensare ad esempio di svolgere questa attività utilizzando la propria mimica facciale, attraverso espressioni buffe e divertite, oppure produrre dei suoni improbabili o intonare delle canzoncine, o ancora approfittare di questi momenti per cullare o massaggiare il piccolo. Una buona pratica è anche quella di concludere il cambio pannolini con un abbraccio, stingere le braccia attorno al petto del bambino, anche dopo averlo rivestito e coperto, può stabilizzare la sua frequenza cardiaca, aumentare i livelli di ossigeno, rafforzare il sistema immunitario e ridurre il pianto e lo stress.
  4. Portare il bambino
    Il babywearing non è una pratica che deve necessariamente coinvolgere solo la mamma, imparando alcune tecniche più semplici per portare il bambino, anche il suo papà potrà far rilassare il suo piccolo tramite il proprio battito cardiaco e il calore del suo corpo, sperimentando un nuovo approccio alla genitorialità più fisico e intimo.
  5. Osservare il proprio bambino
    Godere dell’attenzione del proprio bambino, posizionandolo ad una distanza di circa 20 cm, può suscitare sensazioni di serenità per entrambi, facendo entrare il suo papà in sintonia con il piccolo, anche se solo per pochi secondi. Questo tipo di intesa non è solo importante per entrambi a livello emotivo, ma, soprattutto quando il bimbo sarà più grande e comincerà a dare segni di cosciente interazione, sarà anche alla base di una comunicazione efficace tra padre e figlio.
amore-di-papa bimbo-sul-papa Location Family Photographer papà-a-letto-con-bambino
<
>