foto_prima_pappa

4 errori da non fare quando si comincia a dare la pappa al bambino

Quando cominciano a svezzare il bambino, molte mamme si chiedono cosa sia meglio fare perché il neonato impari ad apprezzare gli alimenti diversi dal latte materno o dal biberon. Vediamo quattro errori da non fare affinché i vostri bambini crescano come piccoli gourmet!

  1. Avere fretta.
  2. Per i primi 5-6 mesi di vita, il vostro piccolo ha conosciuto esclusivamente il latte materno o il biberon: sarebbe sciocco pensare che debba accettare immediatamente il cucchiaino e… quello che contiene. Arrabbiarvi con lui non servirà a niente, tanto meno distrarlo a tutti i costi in modo da fargli aprire la bocca per ingozzarlo. Bisogna, sì, rendere il pasto un momento di gioco, scoperta e, in definitiva, di convivialità, ma ricordate di avere pazienza con il piccolo.

  3. Introdurre troppo presto sale, zucchero o alimenti potenzialmente allergizzanti.
  4. Se non resistete alla tentazione di assaggiare il sapore della crema di mais e tapioca, beh, resterete deluse: è quasi del tutto insapore. Questo però non deve spingervi ad aggiustare il baby-pranzo di sale o troppo parmigiano: le vostre papille gustative sono decisamente diverse rispetto a quelle di un neonato. Aggiungere sale o zucchero prima dei 12 mesi, oltre a non essere molto salutare per il piccolo, potrebbe “drogare” la percezione del gusto del bambino.
    Relativamente ai cibi potenzialmente allergizanti – come pomodoro o frutti rossi – ci sono diverse scuole di pensiero: il nostro consiglio è di inserirli gradualmente, dall’8° o 9° mese, ma naturalmente dovrete rifarvi a quello che vi indicherà il pediatra.

  5. Eccedere con le proteine esclusivamente animali.
  6. La pappa del giorno e quella della cena devono proporre al bambino non solo sapori e, gradualmente, consistenze variegate, ma anche tipologie proteiche differenti. In genere, il piano alimentare del bambino prevede la carne a mezzogiorno e pesce, formaggio o legumi la sera. Evviva la varietà!

  7. Essere ripetitive.
  8. Voi mangereste pasta in bianco e zucchine lesse ogni santo giorno della vostra vita? Non credo proprio! Cercate di proporre al bambino piatti allegri, colorati e creativi, seguendo i sapori di stagione e senza lasciarvi intimorire da stereotipi triti e ritriti: non è scritto da nessuna parte che i broccoli non piacciano ai bambini, non è una legge della natura… Forse nessuno glieli ha mai fatti assaggiare! Insomma, mettete del vostro in quello che preparate al bambino: lui (o lei) se ne accorgerà.

svezzamento consigli passato verdura per svezzamento consigli svezzamento bambini utensili
<
>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *