sesta settimana gravidanza sintomi

Sesta settimana di gravidanza: i sintomi, la prima ecografia e gli altri esami da fare

Sesta settimana di gravidanza: cosa si vede

La sesta settimana di gravidanza è per la donna un continuo cambiamento.
Ormai si è alla metà del primo trimestre e nel pieno del secondo mese di gravidanza, quindi il bambino raddoppia i suo volume e la mamma è ormai del tutto consapevole dello stato di gravidanza.
I sintomi del secondo mese di gravidanza variano da donna a donna, ma in generale è probabile sentire i primi fastidi, come le nausee e solitamente inizia l’ingrossamento del seno e della pancia.
I primi mesi di gravidanza rappresentano l’inizio di un viaggio lungo e unico ed è importante che la mamma li affronti da subito al meglio.
Ma come si presenta il feto a 6 settimane? Quando fare la prima ecografia? A quante settimane si sente il battito?
Vediamo insieme tutto ciò che si deve sapere sulla 6 settimana di gravidanza.

6 settimane di gravidanza: sintomi

Quando arrivano a 6 settimane di gravidanza, le future mamme, cominciano a vedere visibilmente il cambiamento epocale in atto.
Il corpo reagisce al nuovo stato incominciando a gonfiarsi. Difatti durante la sesta settimana di gravidanza comincia a comparire un rigonfiamento nella pancia e i seni aumentano sensibilmente il loro volume.
Ecco allora tutti i sintomi della sesta settimana di gravidanza:

  • Assenza di mestruazioni
  • La nausea mattutina: Oltre il 50% delle donne a sei settimane di gravidanza soffrono di un disturbo tipico: il senso di nausea, che spesso si presenta nelle prime ore della giornata. Questo fastidio è causato dall’aumento esponenziale dell’ormone Beta Hcg nel sangue della futura mamma e accompagna tutto il 2 mese di gravidanza. I sintomi della 6 settimana di gravidanza però, non sono uguali per tutte le donne in attesa, anzi è del tutto possibile avere una gravidanza senza nausea.
  • Pesantezza alle gambe
  • Sbalzi di umore
  • Costipazione
  • Salivazione eccessiva
  • A differenza della gravidanza alla 5 settimana, non si dovrebbero più sentire i dolori al basso ventre di inizio gravidanza, detti anche dolori mestruali di inizio gravidanza, tipici del primo periodo di gestazione. Quindi se si avverte del dolore ovarico in gravidanza, alla sesta settimana, è consigliato contattare il proprio ginecologo e, naturalmente, anche in caso di perdite alla sesta settimana di gravidanza.
    La gravidanza è un viaggio misterioso e unico e ogni mamma lo vive in modo diverso, quindi, niente paura se si arriva alla sesta settimana di gravidanza senza sintomi.

Leggi anche: Prima settimana di gravidanza: i sintomi, il bambino e gli esami da fare

Feto a 6 settimane

L’embrione a 6 settimane cresce visibilmente.
In particolare la sua testolina aumenta di volume ed è ora più grande del resto del corpo e si presenta ripiegata sul davanti.
Il cambiamento tipico dell’embrione durante la 6 settimana è la comparsa delle dita, che cominciano adesso a delinearsi.
Le amate manine che tanto faranno impazzire i futuri genitori, incominciano la loro formazione proprio durante la 6 settimana di gravidanza e alla fine di questo lungo percorso, saranno formate da ben 27 ossa.
Un’altra importante novità è l’inizio dello sviluppo della bocca, mentre gli occhi restano ancora coperti da una membrana, la futura palpebra.
All’interno della bocca compare la lingua e i semini di futuri dentini.
Il cuoricino batte a una frequenza di 150 battiti al minuto e il bambino comincia a fare i suoi primi movimenti, anche se ancora non è possibile, per la mamma, avvertirli.

Leggi anche: seconda settimana di gravidanza: sintomi dell’ovulazione ed esami da fare

Gravidanza 6 settimane: prima ecografia gravidanza

A 6 settimane di gravidanza ci sono due controlli che è importante fare:

  • il dosaggio delle Beta hCG: come per le settimane precedenti è importante monitorare l’aumento di questo ormone nel flusso sanguigno. La donna comincia a produrlo dopo il concepimento e la sua presenza si rileva attraverso le analisi del sangue. Fino all’undicesima settimana di gravidanza, il livello di questo ormone raddoppia circa ogni 48 ore ed è sintomo di una gravidanza che procede senza intoppi.
  • la prima ecografia in gravidanza: durante questo periodo del secondo mese di gravidanza è consigliato effettuare l’ecografia delle 6 settimane. Sarà un primo emozionante incontro con il futuro bambino, che commuoverà i genitori. Quando la gravidanza è alla sesta settimana, l’embrione ha la grandezza di un chicco di caffè e somiglia a un girino, quindi si potrà vedere ben poco del feto, ma si sentirà il suo battito cardiaco. Questa ecografia della 6 settimana è importante intanto per capire se si è in presenza di gravidanza gemellare. Poi si potrà stabilire la vitalità del feto e l’epoca della gravidanza, stabilendo in modo più preciso la data presunta del parto. Per tale motivo l’ecografia della sesta settimana di gravidanza è chiamata anche ecografia di datazione.

Leggi anche: Quinta settimana di gravidanza: tutto quello che c’è da sapere

6 settimana di gravidanza: il papà

I papà hanno certamente un ruolo diverso rispetto alle mamme durante i nove mesi di gravidanza, ma anche per loro, inizia un viaggio che devono condurre accanto alle proprie compagne.
Si tratta di un percorso non facile, che non affrontano in prima persona, ma in cui hanno un importante ruolo di assistenza e sostegno.
In particolare, quando la gravidanza è al secondo mese, le trasformazioni e i continui sbalzi ormonali potrebbero favorire l’instaurasi di un clima teso e l’insorgere di paure e incertezze nelle future mamme. Tocca allora al papà, darsi da fare, per migliorare la situazione.
In particolare, durante la sesta settimana, alcune mamme raccontano di avere un olfatto molto più sensibile, che spesso crea problemi ai fornelli, aumentando l’insorgere delle nausee. Questo disturbo, chiamato iperosmia gravidica, è un trucco della natura per tenere lontana la mamma da cibi potenzialmente pericolosi.
I papà possono allora, sostituire le compagne in questa attività quotidiana, che siano bravi o no, il loro sforzo sarà di certo apprezzato. Si consigliano ricette con presenza di acido folico, sempre importante per le donne in attesa.

Leggi anche: Qurta settimana di gravidanza

Sesta settimana di gravidanza: video e curiosità

I primi due mesi di gravidanza sono l’inizio di un itinerario che stravolgerà la vita e il corpo della futura mamma.
Proprio perché si è proprio all’inizio del percorso, spesso questo periodo è avvertito anche come il più difficile, in quanto è tutto nuovo e incerto.
La futura mamma non si è ancora abituata al nuovo stato e ai cambiamenti repentini che dovrà subire.
A complicare ulteriormente questo periodo di attesa, le tanto odiate nausee, che caratterizzano le prime settimane. Per cercare di contrastarle e addolcire l’attesa della futura mamma, si consigliano gli amatissimi biscotti allo zenzero.
Bastano pochi ingredienti facili da reperire per creare una coccola benefica per la futura mamma, in quanto lo zenzero è uno degli ingredienti calma-nausea.
Importante inoltre, riposare quanto si vuole e fare solo sport non violenti, come il nuoto.

Ecco un video che riassume tutto ciò che c’è da sapere sulla sesta settimana di gravidanza:

Leggi anche: Settima settimana di gravidanza: gli esami da fare, i sintomi e il bambino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *