foto_abusi

Pedofilia, reati in aumento: l’allarme della Polizia

Pedofilia: aumentano le vittime

La Polizia di Stato lancia l’allarme. Sono in netto aumento i casi di pedofilia, a causa anche del crescente uso del web da parte dei più giovani. Molti bambini infatti vengono adescati dai loro carnefici attraverso giochi online, sui social e sulle piattaforme digitali attraverso chat e amicizie virtuali.

L’allarme

A lanciare l’allarme è la Polizia postale e delle comunicazioni di Firenze, che in queste settimane è stata impegnata in attività volte a contrastare ed abbattere la pedopornografia sul Web.

foto_abusi_sui_bambini

Leggi anche: Interpol scopre una ‘rete’ di pedofili: liberati 50 bambini

Il caso in Toscana

Gli inquirenti, in particolare, hanno evidenziato che i minori vengono adescati molto spesso online, attraverso chat di videogiochi e altri tipi di giochi online. A quel punto, la corrispondenza tra il minore ed il pedofilo si sposta sul sistema di messaggistica istantanea: è lì che avviene l’invio di materiale sessuale e pedopornografico.

foto_bambini_narciso

Negli ultimi due mesi si sono verificati ben quattro casi di pedofilia ai danni di adolescenti di età compresa tra i 13 ed i 16 anni. I carnefici, in questi casi, erano tutti italiani di 30 anni circa, residenti in Toscana. Tutti i responsabili sono stati identificati e denunciati.

I ragazzi in questione, in particolare, convincevano i minori ad inviare loro foto e video di nudo in cambio di ricariche per l’aggiornamento del gioco e l’avanzamento dei diversi livelli.

Il pericolo Fortnite

Secondo la polizia postale di Firenze, particolarmente rischioso è il famoso videogioco “Fortnite“, che spesso porta le vittime a parlare ed interloquire con gli adescatori, senza sospettare di nulla.

foto_bambini_cellulari

Leggi anche: La denuncia di una mamma: “Mio figlio abusato da un prete”

Ecco perché, cari genitori, bisogna fare particolarmente attenzione a quanto tempo i vostri figli, specialmente se molto piccoli, passano sul Web e sui videogiochi. In particolare, accertatevi che non ci sia la possibilità di messaggiare con sconosciuti e di scambiarsi i propri dati personali.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *