nome Carola

Carola: significato del nome, onomastico e curiosità

Carola: significato e origine del nome

Il nome che si sceglie di dare al proprio bambino racconta il suo modo di essere e di relazionarsi con ciò che lo circonda.
Nel caso abbiate deciso di chiamare la vostra bambina Carola, ecco alcune curiosità e informazioni sull’etimologia del nome.
Carola, nome femminile utilizzato in Italia come variante di Carla e Carolina deriva dal tedesco kart, ossia libero. Il termine successivamente iniziò a essere utilizzato per indicare un “uomo di condizione libera” e successivamente interpretato al femminile: “donna libera” è dunque il significato di Carola, significato bello e profondo. Secondo alcuni l’etimologia del nome è da ricercarsi anche nel latino ‘carola’, termine che a oggi si è diffuso in Inghilterra nella variante Carol, significato di “canto di gioia”, a indicare un tipo di canzone legata alle festività natalizie inglesi.

La diffusione del nome in Italia e le sue varianti italiane e straniere

Carola, nome arrivato in Italia nell’VIII secolo, veniva utilizzato dai Franchi come titolo onorifico per i maestri di palazzo dei re Merovingi. A oggi nel nostro Paese, secondo i dati ISTAT, ci sono circa 5106 persone che hanno scelto Carola come nome, facendolo diventare il 731° nome più comune d’Italia, diffuso soprattutto in Piemonte, poco invece in Umbria e in Abruzzo.

Varianti italiane:

  • Carla
  • Carolina
  • Carlotta

Varianti straniere:

  • Karol (nata come variante maschile, ma oggi usata anche al femminile)
  • Karla
  • Caroline, Karoline
  • Karola
  • Karolyna
  • Charlotte, Karlotte
  • Carlóta
  • Carol

Di seguito la cartina dell’Italia che indica, in percentuali, la diffusione del nome Carola in Italia.
diffusione-nome-Carola-in-Italia
Leggi anche:Luisa: significato, diffusione e onomastico del nome

Curiosità sul nome, qualità di chi lo porta ed elementi portafortuna

Per quanto riguarda le caratteristiche legate a questo nome, in molti associano Carola alla figura di una bambina allegra e socievole, con un grande spirito d’avventura. Chi porta Carola per nome è una persona altruista, più unica che rara. Il significato del nome Carola indica una bambina piena di entusiasmo, nata per essere amata da tutti. Ha un forte interesse per le persone a lei care e porta serenità tra le persone che conosce. Ecco gli elementi portafortuna di Carola:

  • Numero: 3
  • Colore: rosso e verde
  • Pietra: rubino
  • Metallo: bronzo
  • Animale: renna
  • Pianta: vigna

fiocco-rosa-Carola
Leggi anche:Onomastico Alessandra: immagini, frasi d’auguri e storia della Santa

Buon onomastico Carola!

L’onomastico di Carola cade il 9 maggio in onore di Beata Maria Teresa di Gesù (Karolina Gerhardinger di Regensburg), anche se fino a poco tempo fa in molti erano soliti festeggiare l’onomastico il 18 agosto.
Come fare gli auguri di buon onomastico alle persone care che portano questo nome? Ecco una serie di frasi e immagini divertenti per augurare buon Santa Carola a chi si vuol bene.

Oggi il tuo nome è scritto su milioni di calendari, ma acquista il suo valore e la sua importanza perché sei tu a possederlo. Tanti auguri Carola!

Gli antichi credevano che nel nome fosse racchiuso il nostro destino. Il tuo nome rivela che il tuo futuro sarà meraviglioso e pieno di gioia! Auguri di buon onomastico Carola!

Non è il tuo nome a renderti speciale, sei tu che gli dai un suono stupendo! Auguri Carola!

Un nome speciale, un giorno speciale, una persona speciale. Tanti auguri di buon onomastico Carola!

Il più dolce tra i nomi, il più felice tra gli onomastici. Tanti auguri Carola per questo giorno speciale!

Buon-Onomastico-Carola
Carola-Buon-Onomastico
Carola-onomastico
Onomastico-Carola
Leggi anche:Onomastico Laura: immagini, frasi e storia del nome

Santa Carolina Gerhardinger: la storia della maestra delle scuole rurali

Chi era Santa Carola? E perché è stata beata?
Carolina Gerhardinger di Regensburg nacque in un sobborgo della città di Ratisbona in Baviera, il 20 giugno 1797, da una famiglia molto semplice. Frequentò la scuola femminile delle Canonichesse di Notre-Dame che però venne distrutta durante il governo napoleonico. In questa occasione il vescovo di Ratisbona, Michele Wittmann scelse tra le migliori studentesse alcune ragazze che sarebbero dovute diventare maestre. Carolina Gerhardinger ebbe l’incarico di insegnante alla scuola femminile di Stadtamhof, dal 1816 al 1833. Fu tra le prime maestre a partire per insegnare nelle scuole rurali, in situazioni di forte disagio seguendo una vita molto povera. A Neunburg nel Palatinato in Baviera, nel 1833, creò una piccola comunità religiosa che seguiva i suoi precetti di semplicità e, quando si trovò i difficoltà per mancanza di mezzi, rimase salda nell’intento con grande fede e speranza in Dio. Il 16 novembre 1835 cambiò nome in quello di Maria Teresa di Gesù e continuò a sviluppare ovunque la sua Congregazione delle Piccole Suore Scolastiche di Nostra Signora. Fece costruire anche un orfanotrofio a Baltimora per le figlie degli emigrati tedeschi. Nel 1877 durante una grave malattia Pio IX le impartì la benedizione telegraficamente. Fu poi beatificata da papa Giovanni Paolo II, il 17 novembre 1985.
Santa-Carola-Gerhardinger
Leggi anche:Onomastico Ludovica: le immagini d’auguri, le frasi e la storia

Rossella Soriano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *