Punture zanzare rimedi neonati e bambini

Punture di zanzare e bambini: 5 rimedi naturali

Zanzare e bambini: come difendersi

Estate, periodo di punture di zanzare. I più colpiti sono sempre i bambini, spesso perché giocano nei prati o in zone che sono habitat naturali delle zanzare, oppure perché, mentre noi adulti ce ne accorgiamo facilmente e le cacciamo, i bambini si lasciano pungere dalle zanzare senza porci attenzione.
Molte specie, ormai, sembrano addirittura resistere a tutti i più comuni metodi per allontanare le zanzare.
Ma come difendere i bambini dalle punture di zanzara? Quali rimedi utilizzare dopo la puntura?
Scopriamo insieme i 5 rimedi naturali contro le zanzare adatti a neonati e bambini.

Spray antizanzare: quale scegliere

In commercio esistono moltissimi spray contro le zanzare. Inutile negare che i più efficaci per allontanare le zanzare restano quelli a base di Deet e Icaridina. Molti dubbi sono stati sollevati sull’uso del Deet ma questi prodotti chimici sono dispositivi medici, controllati e proposti nelle dosi adatte. Sono prodotti da utilizzare sopra i due anni e con l’accortezza di non spruzzarli direttamente sul corpo del bambino, ma sulle proprie mani prima di spalmarlo su gambe e braccia del bimbo.
In alternativa, comunque, sul mercato esistono moltissimi spray antizanzare naturali a base di oli essenziali o profumazioni che infastidiscono gli insetti e tengono lontane le zanzare. Se si utilizzano spray naturali contro le punture di zanzare è necessario ricordarsi di spruzzarli con una certa frequenza perché l’effetto è molto limitato nel tempo (per esempio non riescono a coprire tutta la notte).

Leggi anche: Come proteggere i neonati dalle zanzare

Punture zanzare rimedi bambini

Oli essenziali contro le zanzare

Per proteggere i bambini, uno dei rimedi naturali contro le zanzare più efficace è l’utilizzo di oli essenziali. Gli oli essenziali che rappresentano reali repellenti contro le zanzare perché l’odore le infastidisce sono:

  • basilico
  • citronella
  • eucalipto
  • geranio
  • lavanda
  • lemongrass
  • melissa
  • menta piperita
  • tea tree
  • timo timolo

È importante che l’utilizzo degli oli essenziali contro le zanzare si fatto solo dopo i due anni di età. Gli oli essenziali, essendo particolari attivatori, non sono adatti ai neonati. In caso di neonati, gli oli essenziali possono eventualmente essere utilizzati in piccole dosi sui tessuti: qualche goccia sui lenzuolini o sulla copertura di passeggino o carrozzina per tenere lontane le zanzare dal neonato.

Leggi anche: Oli essenziali in gravidanza: usi e benefici

punture zanzare rimedi naturali oli essenziali

Braccialetti e cerotti contro le zanzare

Negli ultimi anni spopolano cerotti e braccialetti contro le zanzare. L’offerta è davvero ampia: ci sono cerotti e braccialetti a base di profumazioni che tengono lontane le zanzare, come la citronella. Oppure braccialetti che emettono un piccolo sibilo che infastidisce gli insetti e li tiene lontani dai bambini. In caso di neonati, questi braccialetti contro le zanzare possono essere appesi alla carrozzina o al lettino per ottenere lo stesso effetto ed evitare le punture di zanzare.
Anche in questo caso, però, esiste qualche aspetto negativo. Cerotti e braccialetti a base di profumazioni che riescono a tenere lontane le zanzare presentano un’efficacia limitata alla zona circostante che non si estende a tutto il corpo. Nel caso dei braccialetti a ultrasuoni contro le zanzare, il ronzio è spesso percepibile anche dall’orecchio umano e risulta fastidioso, soprattutto se si cerca un rimedio contro le zanzare che possa essere utilizzato anche di notte.
Inoltre, non sempre i bambini accettano di indossare cerotti e braccialetti, rendendo vano l’effetto anti-zanzara.

Leggi anche: Estate: come proteggere i neonati dal caldo e dalle temperature bollenti

Punture zanzare rimedi naturali bambini

Zanzariere contro le punture di zanzare

L’unico rimedio davvero efficace contro le zanzare, soprattutto per i neonati, sono le zanzariere.
I neonati, a cui non possono essere spruzzati spray antizanzare e con i quali non bisogna eccedere con l’utilizzo di oli essenziali, possono essere protetti solo con l’utilizzo di teli zanzariera.
Se ne trovano di tutte le dimensioni e possono essere acquistati online.
Le zanzariere, sono l’unico rimedio efficace sia dentro casa, sia all’esterno, per i bambini piccoli.
Il telo antizanzare può essere posizionato sopra la carrozzina, evitando che le zanzare pungano il piccolo, lasciando però che l’aria circoli.
Inoltre, lo stesso telo può essere posizionato sul lettino durante la notte, fissandolo ai lati con delle mollette. In questo modo si possono tenere lontane le zanzare da un neonato, senza applicare nulla direttamente su di lui.

Leggi anche: Zanzare in gravidanza: prevenzione e rimedi

Punture zanzare rimedi zanzariera bambino

Odori contro le zanzare: piante e preparati antizanzare

Quando si è fuori casa i rimedi contro le zanzare sono quasi solo quelli che si possono portare addosso. Ma dentro casa si possono prendere degli accorgimenti per tenere lontane le zanzare ed evitare le punture.
Oltre a rimuovere tutti i residui di acqua stagnante dai sottovasi o dagli angoli del giardino, per esempio, si possono accendere degli zampironi alla citronella vicino alle finestre. Oppure si possono posizionare dei preparati odorosi che fungano da repellenti contro le zanzare.
Quali sono odori e piante che tengono lontane le zanzare?
Per quanto riguarda gli odori per tenere lontane le zanzare troviamo:

  • caffè macinato
  • aglio
  • birra
  • olio di cocco
  • cannella
  • olio di neem

Per quanto riguarda le piante anti-zanzare, invece, le più efficaci sono:

  • gerani
  • lavanda
  • citronella
  • calendula
  • incenso
  • catalpa
  • catambra
  • eucalipto
  • basilico
  • rosmarino
  • menta

Leggi anche: Come proteggere i neonati dalle zanzare

Punture zanzare rimedi naturali piante

Rimedi punture di zanzare: come evitare il prurito

Nonostante i genitori prendano molte precauzioni per prevenire le punture di zanzare, è inevitabile che qualche zanzara riesca a pungere il bambino. Nella maggior parte dei casi questo non comporta nulla di grave. Il problema è che spesso è impossibile convincere i bambini a non grattarsi e le punture di zanzara possono infettarsi.
Come trattare le punture di zanzare nei bambini?
Nei neonati, solitamente, non è necessario fare nulla. Non grattandosi le punture di zanzare si riassorbono nel giro di qualche ora.
Nei bambini più grandi, che tendono invece a grattare le punture di zanzara è innanzitutto importante tenere le unghie delle mani molto corte in modo tale che non si riempiano di terra che possa poi provocare infezione alla puntura.
I rimedi principali contro il prurito causato dalle punture di zanzara sono:

  • applicare sulla puntura del ghiaccio (avvolto in un panno, non direttamente sulla pelle);
  • strofinare sopra la puntura di zanzara una buccia di banana
  • ungere la puntura con un po’ di miele;
  • massaggiare il punto arrossato con un impacco di bicarbonato e aceto;
  • spremere qualche goccia di succo di limone sulla zona infiammata;
  • passare una fettina di cipolla sulla puntura di zanzara.

In caso di infezione più avanzata è importante rivolgersi al pediatra o, almeno, recarsi in farmacia e seguire le indicazioni che vengono date.

Leggi anche: Anti zanzare in gravidanza: quale usare

Punture di zanzare neonati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *