foto neonato

4 curiosità da sapere sui primi giorni del neonato

La nascita di una nuova famiglia

I primi giorni di vita del neonato segnano l’inizio di un nuovo percorso, ancora più indimenticabile e avventuroso di quello della gravidanza. Infatti, dopo nove mesi passati a immaginare il volto del proprio bambino e una nuova vita tutti insieme, finalmente nasce, con il piccolo, una famiglia. Tuttavia, la mamma e il papà devono affrontare moltissime cose tutte insieme, a partire dall’accudimento del neonato, alla scoperta di tecniche utili per addormentarlo e cambiarlo, senza complicarsi la vita. Ecco le 4 cose più importanti da sapere sui primi giorni del neonato

1. Quante ore deve dormire?

Sicuramente una delle domande che si fanno più spesso i genitori è quella relativa alle ore di sonno necessarie a un neonato. Appena nasce il piccolo, la maggior parte delle mamme vorrebbero tenerlo sempre in braccio, accarezzarlo e parlargli dolcemente, tutti aspetti assolutamente fondamentali per iniziare a creare quel legame unico e particolare basato principalmente sul contatto fisico (bondig). Nonostante ciò, il neonato ha assolutamente bisogno di dormire dalle 14 alle 16-17 ore al giorno. Questo fatto può inizialmente spiazzare i genitori (e anche i parenti). Bisogna sapere che già dopo il primo mese di vita le ore di sonno tendono a diminuire perché il bambino cresce molto velocemente. Pertanto si consiglia, in condizioni fisiologiche e di nascita a termine, di non svegliare il piccolo e lasciarlo dormire le ore necessarie. Nel caso opposto, in cui il bambino avesse difficoltà ad addormentarsi, è consigliato mettere un po’ di musica dolce e rilassante al fine di calmarlo e farlo addormentare. Il video seguente contiene molti suoni della natura e melodie studiate apposta per i più piccoli.

Leggi anche: Sonno neonato: i metodi per far dormire il bambino

2. L’allattamento

Essere informate a dovere sull’allattamento è davvero importantissimo per le mamme poiché si possono evitare moltissime situazioni stressanti (per la mamma e per il bambino) che andrebbero a influire negativamente sul percorso dell’allattamento.
Dare il latte materno al proprio piccolo è certamente la scelta migliore, non solo da un punto di vista nutrizionale e di anticorpi (fondamentali nelle prime ore di vita del neonato), ma anche per quello che riguarda l’aspetto relativo alla comodità e al comfort. Il latte della mamma è infatti sempre disponibile in qualsiasi posto e alla giusta temperatura!
Il neonato ovviamente dovrà imparare a poppare con forza e vigore, cosa che alla nascita la maggior parte dei bimbi non sa ancora fare. Spesso i piccoli si stancano moltissimo e potrebbero richiedere di stare attaccati molto più di quanto la mamma credesse. Questo non deve assolutamente preoccuparvi perché più il bambino si attacca e più latte viene prodotto. Le prime ore di vita del neonato sono fondamentali per avviare la produzione di latte, che inizialmente apparirà di colore giallino. Questo è denominato colostro ed è importantissimo per dare al bambino i giusti anticorpi e per favorire l’espulsione del meconio (feci di colore nero).
Il primo giorno di vita, vostro figlio avrà lo stomaco grande come una ciliegia, a tre giorni è già diventato come una noce. Pertanto, una volta sfamato, il neonato potrebbe desiderare ancora il vostro contatto per aiutarvi a produrre il latte necessario per le prossime poppate. Assecondatelo e godetevi il momento, pian piano le poppate si allungheranno gradualmente nel tempo.
Ricordatevi che allattare non è doloroso, anzi deve essere piacevole. Se sentite dolore chiedete aiuto a un’ostetrica o a una consulente che saprà correggervi riguardo alla posizione, all’attacco o alla suzione del bambino.

foto neonato allattamento

Leggi anche: Rooming-in e allattamento al seno

3. Che cosa sa fare il neonato?

Già nei primi giorni di vita del neonato, vi potrete accorgere che egli presenta delle risposte involontarie, denominate riflessi, non appena viene toccato o accarezzato in un determinato modo. Questo fatto spesso diverte i genitori e permette di capire fin da subito che il piccolo è un individuo attivo con determinate abilità che man mano si svilupperanno.
Questi sono solo alcuni dei riflessi dei neonati e sono già presenti alla nascita in tutti i bambini del mondo.

  • Se per esempio provate a tenere il bambino in posizione eretta con i piedi che sfiorano il pavimento (o il fasciato), sarete sorpresi nel vederlo compiere movimenti simili a quelli della deambulazione.
  • Se toccate il palmo della mano, prontamente il piccolo stringerà le dita attorno alla vostra mano.
  • Il neonato succhia qualsiasi cosa che gli tocca la bocca (uno dei classici esempi è succhiare il dito dei genitori).
  • Se gli accarezzate la pianta del piede, prima distende le dita e successivamente le richiude come in un abbraccio.

foto neonato riflessi

Leggi anche: Giocare con il neonato: 3 errori da NON commettere

4. Il ritorno a casa

Tornare a casa con il neonato significa che la nuova vita è iniziata per davvero e tutto sembrerà diverso.
Ovviamente, sebbene i genitori passino molto tempo a preparare la futura cameretta del piccolo, i primi mesi la soluzione ideale è far dormire il bambino nella stessa stanza dei genitori. Questo fatto per una questione di comodità e tranquillità, dati i molti risvegli notturni del bambino.
La scelta del letto
dove far riposare il piccolo è assolutamente personale: alcuni scelgono la classica culla, altri preferiscono tenere il neonato nella navicella, altri ancora montano una culletta accanto al letto dei genitori. Qualsiasi sia la modalità preferita va bene purché i genitori siano tranquilli e a proprio agio. Infine, una volta tornati a casa è bene non procedere subito al primo bagnetto del neonato, almeno finché non è avvenuta la caduta del moncone ombelicale.
I primi giorni e settimane di vita del bambino, è bene che la mamma (e se può anche il papà) si riposi il più possibile e si goda il piccolo neonato, magari facendosi aiutare dai parenti per le faccende domestiche.

foto neonato primi giorni

Leggi anche: Come fare il bagnetto al neonato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *