foto_ucraina_bimbo

Incatena il figlio “come un cane” per educarlo: salvato dalla polizia

Storia shock dall’Ucraina

È una di quelle storie che si fatica anche a raccontare. Siamo in Ucraina, dove un bimbo di sei anni è stato salvato dagli inquirenti che lo hanno ritrovato “incatenato come un cane”. A compiere tali atrocità il padre – se tale si può definire – del piccolo, che voleva educarlo.

I fatti

Il piccolo è residente ad a Aidar-Mykolaivka, un villaggio nella regione ucraina del Luhnask. Gli agenti della polizia lo hanno ritrovato incatenato ad un palo, in condizioni disumane, visibilmente malnutrito e dolorante.

foto_bimbo_percosse
Foto: Ukraine National Police

Leggi anche: Babysitter uccide bimba di 22 mesi picchiandola senza pietà: la storia shock

L’allarme

Il bambino pare che si fosse confidato con alcuni compagni di scuola, ai quali aveva raccontato le atrocità e gli abusi che subiva in casa per mano del padre. I bambini, a loro volta, avevano riferito tutto ai rispettivi genitori che hanno così fatto scattare le indagini dopo essersi rivolti alla polizia.

Dalle immagini riprese dalle telecamere delle forze dell’ordine si vede il bambino avvolto in una catena di metallo, in ginocchio, legato alla porta. Sul corpo del piccolo sono stati rinvenuti anche dei segni evidenti di violenze e percosse che il padre gli infliggeva per “educarlo”.

L’uomo è stato arrestato

Il padre del bambino, un uomo di 36 anni, è stato immediatamente arrestato insieme alla sua compagna, una ragazza ventisettenne. Nel rapporto della polizia c’è scritto che il bambino era “incatenato come un cane”, come d’altronde ha ammesso il padre durante l’interrogatorio:

Lo legavo come un cane e lo picchiavo perché volevo educarlo

ha detto l’uomo, che ora ha perso i suoi diritti genitoriali ed affronterà un processo per pedofilia e tortura.

foto_bimbo_ucraina

Leggi anche: Incatena il figlio in vasca lasciandolo morire di fame: la drammatica storia

Il bambino, come riportato dal Daily Mail, è stato invece immediatamente ricoverato all’ospedale di Novoaidarsky per dei controlli volti ad accertare le sue condizioni. Con tutta probabilità, poi, verrà trasferito in orfanotrofio.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *