foto pancera

Pancera post parto: serve a ritornare in forma?

Pancera post parto si o no? Pro e contro

La pancera è una guaina contenitiva che serve a supportare gli addominali nel loro compito fondamentale: contenere gli organi interni. Per lungo tempo si è ritenuto importante utilizzare la pancera post parto per aiutare il fisico nella ripresa della forma fisica originaria. Oggi, invece, gli operatori sanitari la sconsigliano nella maggior parte dei casi. La guaina post parto, infatti, sostituirebbe il lavoro dei muscoli addominali, rendendo, così, il recupero più lento dopo la gravidanza. La pancera post parto naturale andrebbe anche ad esercitare pressione sul pavimento pelvico ancora debole, causando probabili disturbi di incontinenza. L’unico caso nel quale la panciera è consigliata è nel post parto cesareo.

Pancera post parto naturale

Molte donne, dopo il parto, trovano difficile abituarsi all’aspetto della pancia non più soda, e, per questo motivo, cercano ogni mezzo per ritrovare la tonicità. Per fare questo, spesso, valutano l’uso della pancera. Attorno all’uso della pancera post parto vi è molta disinformazione e molte donne ancora si rivolgono a questo strumento per contenere i tessuti dell’addome, senza sapere di generare invece effetti negativi. Durante la gravidanza, gli addominali retti si separano (diastasi dei retti addominali) per permettere all’utero di crescere. Se dopo il parto si utilizza la pancera, gli addominali si rilassano perchè i muscoli sono già sostenuti da questa, e tornano in sede molto più lentamente. Inoltre, durante il parto naturale, il pavimento pelvico è posto sotto stress e gli addominali retti si separano, per permettere all’utero di crescere. Indossando la pancera la pressione esercitata sul pavimento pelvico predispone la donna al rischio di incontinenza e prolassi. In basso un approfondimento sulla pancera post parto.

Leggi anche: Caffè in gravidanza: i consigli per le future mamme

Pancera post parto cesareo

L’utilizzo della pancera è consigliato solo dopo un parto cesareo. La pancera post parto cesareo è  un utile strumento di sostegno, in particolare durante i primi giorni dopo l’operazione. Nelle due settimane dopo il parto, infatti, è normale accusare dei dolori o fastidi in corrispondenza della ferita quando si compiono movimenti, ad esempio quando ci si alza.  La pancera ha la funzione di proteggere i tessuti dai movimenti e dagli impatti improvvisi, ma anche di aiutare a tenere in sede gli organi interni in un momento di particolare fragilità, avendo riportato una ferita operatoria. Naturalmente nemmeno in questo caso bisogna abusare di questo strumento, ma usarlo con cautela.

foto pancera post parto cesareo

Leggi anche: Parto indotto: quando è previsto e quali sono le procedure

Per quanto tempo si può tenere la pancera post parto

La pancera dopo il parto si può usare, ma per brevi periodi, come le occasioni in cui si deve stare più tempo in piedi. Innanzitutto si dovrà chiedere il parere del medico che, dopo aver dato l’ok, indicherà la tipologia di guaina che si può utilizzare ed il tempo in cui è consigliabile indossarla. A questo punto, si dovrà provare a portarla poco tempo ogni giorno, fino ad aumentare progressivamente. Naturalmente, l’uso della fascia non sostituisce l’esercizio da fare in palestra, trascorso il periodo di puerperio. L’uso della pancera post  parto è, infatti, solamente estetico, e nel lungo periodo può portare ai disturbi sopra citati.

foto pancera post parto quanto tenerla

Leggi anche: Gelati in gravidanza: è possibile mangiarli?

Pancera post parto: quale comprare

Quando si parla di pancera post parto si intende un indumento elastico che ha la forma di uno slip o di un pantaloncino con la vita abbastanza alta da raggiungere l’ombelico. In queste particolari tipologie, anche la schiena e l’addome beneficiano del sostegno del tessuto elastico. Un altro tipo di supporto post parto può essere la fascia, che abbraccia l’addome, e la zona lombare, ma lascia liberi i glutei. Se ti stai chiedendo quale tipo di pancera post parto comprare, valuta di chiedere consiglio al medico curante, che saprà valutare cosa è meglio in base ai trascorsi clinici.

foto pancera post parto

Leggi anche: Crostacei in gravidanza: fanno male al bambino?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *