foto ginnastica in gravidanza

Ginnastica in gravidanza: gli esercizi e gli sport sicuri

Gravidanza: la ginnastica giusta

Appena appaiono le due linee sul test di gravidanza la vita di una donna cambia, e così cambiano anche le sue abitudini. La gravidanza porta con sè molte precauzioni necessarie, e a volte queste possono essere eccessive. E’ questo il caso della ginnastica in gravidanza, spesso vista come rischiosa, ma in realtà molto preziosa se non ci sono particolari fattori di rischio. Ecco, di seguito, quali sono tutti gli esercizi che si possono fare in gravidanza per ogni trimestre, e le precauzioni da prendere per fare esercizio in sicurezza. Vedremo, inoltre, la ginnastica del piano perineale, una attività nota a poche ma che può prevenire e risolvere molte problematiche fisiologiche della gravidanza.

Ginnastica in gravidanza: i benefici

Fare sport in gravidanza è una buona  abitudine, che aiuta a sostenere il fisico in un momento in cui ne ha particolarmente bisogno. Durante la gravidanza, infatti, il corpo subisce molti cambiamenti, come l’accelerazione del battito cardiaco, l’aumento del peso, l’aumento della curvatura della schiena, e lo spostamento del baricentro. Questi cambiamenti, se non accompagnati da specifici esercizi, possono causare dolori e fastidi. Ma attività fisica significa anche un rilascio di endorfine, delle sostanze che hanno l’effetto di migliorare l’umore e alzare la soglia del dolore. Dal punto di vista medico, mantenere un buon livello di attività fisica in gravidanza aiuta la gestante a diminuire l’incidenza di patologie come il diabete gestazionale, ma anche a sopportare meglio il maggiore sforzo che il pancione richiede a muscoli e scheletro, e a sostenere l’apparato circolatorio. Nel video in basso i benefici della ginnastica in gravidanza.

Leggi anche: Tinta per capelli in gravidanza: i rischi e gli accorgimenti

Attività fisica in gravidanza? Si, ma con moderazione

Fare sport in gravidanza è essenziale, a patto che questa decisione sia condivisa con il proprio ginecologo che indicherà le giuste modalità. Prima di intraprendere allenamenti di qualsiasi tipo, bisogna, infatti, capire il livello di atleticità di partenza, il periodo della gestazione, e se ci sono fattori di rischio. E’ utile, poi, scegliere un tipo di sport che si sposi con la dolce attesa, evitando quelli che si sono meritati il bollino rosso. Via libera, quindi, a yoga, camminata, nuoto, pilates e danza del ventre. Al bando, invece, arti marziali, tennis, basket, pallavolo, sci, e ciclismo. Se si frequenta la piscina, è necessario porre attenzione all’igiene, per evitare di contrarre funghi e infezioni. Prima, dopo e durante l’allenamento, inoltre, è bene mantenersi idratate e nutrite con spuntini che possano fornire energia. Ma soprattutto, è necessario ascoltare il proprio corpo. Nel video il parere dell’esperto.

Leggi anche: Amniocentesi in gravidanza: a cosa serve e quali sono i rischi per il bambino

Gravidanza e ginnastica: primo, secondo e terzo trimestre

La gravidanza si evolve da trimestre a trimestre, e, allo stesso modo, deve evolversi anche il tipo di attività e gli esercizi. Il primo trimestre è un periodo molto delicato perchè è il momento in cui si sviluppano gli organi del feto. In questo trimestre, spesso caratterizzato da nausea e sonnolenza, si può scegliere una ginnastica dolce, come la camminata, pilates o yoga. Durante il secondo trimestre di gravidanza i sintomi si attenuano e la gestante si sente generalmente piena di energia. E’ questo il momento fare attività a corpo libero, un’aerobica leggera, che aiuti a tenere sotto controllo il peso in aumento, e, allo stesso tempo, sostenere l’apparato cardiovascolare sottoposto ad un maggiore sforzo. Nel terzo trimestre, infine, la futura mamma potrebbe trovare molto più difficile muoversi a causa dell’ingombro del pancione. In questo ultimo periodo è bene limitare l’attività fisica ad esercizi più soft, come lo yoga, o la camminata. Nel terzo trimestre è ancora consigliabile svolgere esercizi di rilassamento e di respirazione come preparazione al parto.

foto ginnastica in gravidanza per trimestre

Leggi anche: Rosolia in gravidanza: i pericoli e i rischi per il bambino

Ginnastica dolce in gravidanza: esercizi

Ci sono molti modi per allenarsi in gravidanza, e non tutti richiedono di andare in palestra o piscina. Anche a casa è possibile svolgere rapidi esercizi di ginnastica dolce per migliorare il tono muscolare di gambe, braccia e schiena. La schiena, in particolare, necessita di molto supporto durante la gravidanza. Un modo per darle sollievo è la ginnastica posturale, che coinvolge il bacino, addominali e tronco. Mantenere una corretta postura attraverso movimenti lenti può aiutare a combattere il mal di schiena, aumentare la coordinazione e l’equilibrio. Nel video potete trovare dei semplici esercizi per la ginnastica dolce in gravidanza.

Esercizi in gravidanza: la ginnastica del piano perineale

C’è una parte del nostro corpo nascosta, e, per questo, trascurata, ma che in gravidanza assume un nuovo significato: il piano perineale. Questa porzione di muscolo, che collega i genitali all’ano, in gravidanza ha il compito di sorreggere il peso dell’utero. Durante il parto la sua elasticità influenza l’incorrere o meno di lacerazioni spontanee. Nel recupero post parto, è importante curare il benessere del piano perineale, per evitare disturbi come l’incontinenza urinaria o prolasso genitale. La buona notizia è che attraverso alcuni semplici esercizi, è possibile migliorare il tono muscolare della parte. Nel video in basso un approfondimento sul pavimento pelvico.

Leggi anche: Gelati in gravidanza, è possibile mangiarli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *