foto_gabri

Gabri, il bimbo di 19 mesi che lotta contro la morte: l’appello dei genitori

Gabri, 19 mesi e la vita appesa ad un filo

Ha solo 19 mesi, eppure è già un guerriero. Parliamo di Gabri, il neonato che sta lottando contro la morte a causa di una gravissima e rara malattia. I genitori del piccolo lo hanno ribattezzato “Little Hero: il bimbo, nato all’ospedale Niguarda, vive a Milano ed è costantemente monitorato dai medici degli Spedali Civili di Brescia.

Le parole dei genitori

I genitori ora, tramite le pagine de Il Giorno, lanciano un disperato appello: l’unico modo per cercare di salvare il piccolo Gabri è trovare un donatore di midollo osseo compatibile. Né loro né la gemellina del piccolo sono compatibili:

Purtroppo Gabriele è affetto da Sifd (Anemia sideroblastica con immunodeficienza delle cellule B, febbri periodiche e ritardo dello sviluppo), malattia curabile solo con trapianto di midollo osseo. Tocca a noi! AAA gemello genetico di Gabriele cercasi. e hai tra i 18 e 36 anni, sei sano e pesi almeno 50 chili, iscriviti al Registro dei potenziali donatori di midollo osseo

hanno esortato i genitori.

foto_ospedale

Leggi anche: Leucemie infantili, una nuova tecnica permette la donazione di midollo da parte dei genitori

Come poter aiutare Gabri

Per rendersi disponibili al trapianto basta registrarsi al sito www.admolombardia.org. Chiunque si iscrive verrà poi ricontattato dal medico per svolgere i dovuti esami e le analisi di routine. Non solo: la registrazione potrà essere utile non solo per il piccolo Gabri, ma anche per tutto coloro che necessitano di un trapianto di midollo per poter continuare a vivere.

Leggi anche: Bimba di 8 anni ingrassa per donare midollo alla mamma malata

La mobilitazione sui social

Intanto, le persone hanno iniziato a mobilitarsi sui social: su Twitter spopolano gli hashtag #forzaGabriele #seipropriotu #iltipogiusto #trapiantoèvita, mentre la pagina Facebook di Gabry Little Hero è già seguita da quasi 4 mila persone.

foto_pagina_facebook_gabri

Finora abbiamo provato a cavarcela con le nostre forze, ma abbiamo bisogno di voi tutti. La sua unica strada di guarigione è il trapianto di midollo osseo. Strada impervia, piena di pericoli e insidie, ma è l’unica percorribile. I medici hanno chiesto una compatibilità totale. E ci siamo rivolti all’Admo. Solo 1 su 100.000 può essere un gemello di Gabriele

hanno precisato i genitori, che sperano nell’aiuto di qualcuno che possa salvare il figlio e restituirgli la felicità.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *