foto dolore

Distacco della placenta: sintomi, cause e conseguenze

Distacco di placenta: una complicazione della gravidanza

Con il termine distacco della placenta si descrive una complicazione della gravidanza, che può avere delle conseguenze più o meno gravi sulla salute di mamma e bambino.
Il distacco della placenta consiste nella separazione parziale del collegamento tra la mamma ed il suo bambino, poiché la placenta svolge proprio questa funzione di tramite tra i due corpi. Questo evento straordinario potrebbe avere delle conseguenze importanti sia per il piccolo che per la donna.
I rischi sono tanti: dalla diminuzione della crescita del bimbo alla possibile morte in utero e, per la mamma, c’è il pericolo di emorragia e parto pre-termine.
Vediamo nel dettaglio come accorgersi di questo fenomeno, da dove proviene e cosa può comportare.

Cos’è il distacco della placenta

La placenta è un organo che svolge un ruolo fondamentale nel corso di una gravidanza. Questa parte del corpo si occupa di fare da collegamento tra la mamma e il suo piccolo, facendo passare l’ossigeno e le sostanze nutritive indispensabili per la vita e la crescita del feto. Insomma la placenta è lo strumento che viene utilizzato dal corpo della gestante per allevare il piccino.
Naturalmente se, anche solo in parte, questo collegamento si interrompe, la situazione diventa problematica. Si ha il distacco della placenta proprio quando questo organo si stacca almeno in parte dal corpo della mamma, mettendo in pericolo l’apporto nutritivo del bambino.

Leggi anche: Parto prematuro cause: c’entra la placenta

foto feto

Gravidanza: sintomi del distacco di placenta

I sintomi che potrebbero far ipotizzare un distacco della placenta sono molti. Innanzitutto le perdite di sangue sono un campanello d’allarme molto importante che comunicano che qualcosa non sta più andando nel verso giusto. Però il sanguinamento vaginale non è sempre presente in caso di distacco di placenta, importante quindi fare anche caso a eventuali contrazioni ed indurimento della pancia, dolori addominali o della schiena. L’indurimento dell’utero che si contrae è in effetti una conseguenza del distacco della placenta.
Un altro possibile campanello di allarme è la diminuzione dei movimenti del bambino. Quindi se la mamma ha la percezione di sentire di meno il suo piccolo nuotare nella pancia, meglio approfondire la situazione.
In ognuno di questi casi è comunque importante recarsi in ospedale per conoscere in modo tempestivo la reale situazione del bambino.
In basso un video sulle perdite di sangue in gravidanza, uno dei sintomi del distacco di placenta.

Leggi anche: Quando si forma la placenta e a cosa serve

Distacco della placenta: le cause

Non si conoscono con certezza le cause che portano al distacco della placenta. Spesso questo fenomeno avviene dopo un trauma addominale, come una caduta o un incidente.
Per quanto riguarda invece i casi in cui il distacco della placenta avviene spontaneamente, senza essere conseguenza di un evento traumatico, ci sono dei fattori che portano ad un maggiore rischio di insorgenza di questo fenomeno. Innanzitutto il pericolo è maggiore in caso di gravidanza gemellare per la grande dilatazione dell’utero. Anche in caso di ipertensione della mamma, l’insorgenza di questa complicazione è maggiore.
Naturalmente si avrà forte rischio in caso di uso di sostanze stupefacenti o se la mamma ha il vizio del fumo. Infine di solito insorge più spesso questo fenomeno se la mamma ha già avuto un distacco di placenta in una gravidanza precedente o se la stessa è di età avanzata.

Leggi anche: Quando si forma la placenta e a cosa serve

foto gravidanza

Gravidanza e distacco placenta: conseguenze

Il distacco della placenta è una complicazione della gravidanza che colpisce l’1% delle gestanti. Questo fenomeno può avvenire in tempi e modi diversi. Se il distacco avviene entro le 15 settimane, non ci saranno grandi conseguenze, in quanto in quel periodo di gestazione, la placenta non si è ancora del tutto formata. Diversa è la situazione a gravidanza già inoltrata, quando un distacco della placenta, può avere delle conseguenze molto forti, fino a costringere al parto prematuro.
Infatti, dopo il distacco, il bambino non riceve più lo stesso apporto di sostanze nutritive o ciò può portare a diminuzione della crescita o alla morte in utero. La gravità delle conseguenze varia in base alla dimensione del distacco. Più porzione di placenta si è distaccata più la situazione è grave. Anche per la mamma, ci possono essere delle conseguenze importanti, specialmente se il distacco è accompagnato da emorragia, potrebbe essere necessario procedere con una trasfusione. Ecco perché, se la gravidanza è vicina al termine e la situazione lo permette, spesso l’unica soluzione e procedere con una parto pre-scadenza, per salvaguardare la salute di mamma e piccolo.

Leggi anche: Residui di placenta in utero, i rischi

foto mamma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *