foto_mensa_bambini

Bimba di 6 anni non può mangiare in mensa perché senza soldi: il caso

Costretta a restituire il cibo della mensa perché senza soldi

Sta facendo discutere ed indignare il caso di una bambina di sei anni, costretta a restituire il cibo della mensa perché non aveva soldi. È successo nello stato dell’Indiana: la piccola Anya Howar è stata umiliata davanti a tutti i suoi compagni dalla maestra, che l’ha obbligata a riconsegnare alle responsabili il proprio piatto perché non aveva 2 dollari per pagarlo.

Il caso

Anya Howar, come tutti gli altri bambini, aveva fatto la fila alla mensa ed aveva messo nel proprio vassoio il piatto. Eppure, la sua insegnante, vedendo che la piccola non possedeva i due dollari necessari, l’ha spinta a rimettere il vassoio al suo posto, senza consumare nulla.

foto_mensa_scolastica

La denuncia

Al posto del regolare pasto, alla piccola è stato dato un panino con il burro d’arachidi e la gelatina. La storia, portata alla ribalta dal Mirror, ha suscitato molto clamore tanto che la famiglia della piccola ha deciso di sporgere denuncia verso la scuola dell’Indiana, negli Stati Uniti.

Leggi anche: Mangia bastoncini di pesce e muore a 9 anni: il grave errore del personale della mensa

foto_mensa

La struttura scolastica, in particolare, sarebbe stata accusata di non aver comunicato che il fondo previsto per la mensa si stava esaurendo, e quindi di non aver informato la famiglia. Il nonno di Anya ha detto, indignato:

Hanno aspettato fino a che non è rimasto un centesimo, le hanno negato l’opportunità di mangiare il pranzo.

Quello che i familiari dicono è che, se avessero saputo di dover pagare, lo avrebbero fatto entro i tempi prestabiliti. Nel frattempo la scuola ha prontamente smentito l’accaduto, dicendo anzi di aver agito nel pieno rispetto della bambina.

foto_bambini_a_mensa

Un caso analogo anche in Italia

Anche in Italia, qualche tempo fa, si è registrato un caso analogo. A Minerbe, in provincia di Verona, una bambina per pranzo è stata costretta a mangiare solo tonno e cracker. Il motivo? I genitori versano in condizioni economiche gravi tanto da non potersi permettere di pagare la retta della mensa.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *