Foto polso neonato

Nati con la camicia: sono i bambini più fortunati? Significato e credenze

Nascere nel liquido amniotico: fra credenze e realtà

Nascere con la camicia significa venire alla luce avvolti nel sacco amniotico. L’evento è molto raro e i bambini nati in questo modo particolare, sono spesso ritenuti fortunati. In passato si credeva addirittura che i bambini nati con la camicia avessero dei poteri magici.
Ecco allora la spiegazione di questo modo di dire, come influisce sul neonato e le credenze a esso associate.

Nascere con la camicia o con il cappello: cosa vuol dire

Quando la donna partorisce senza aver rotto il sacco amniotico (le cosiddette “acque”) si dice che il figlio è nato con la camicia, ovvero avvolto nelle membrane amniotiche dove ha vissuto e si è sviluppato durante i 9 mesi di gravidanza. Accade a un neonato su 80mila. Più spesso accade invece che, nonostante sia avvenuta la rottura delle membrane, alcune parti di esse rimangano attaccate al bambino, in genere sulla testa. Da qui nasce il detto meno comune “nascere con il cappello“.
Alcuni ritengono invece che l’origine di questo detto sia legato al benessere economico della famiglia. Infatti, in tempi antichi, le famiglie benestanti usavano far cucire una camicia per il nascituro e fargliela indossare dopo il parto o durante il battesimo. Morbido e delicato, questo indumento sottolineava l’appartenenza sociale del neonato. I bambini nati con la camicia sarebbero, in questo caso, fortunati in quanto appartenenti a una famiglia benestante.
Ancora oggi, alcune famiglie, regalano al neonato una camicia in cotone o in raso, come portafortuna.

Foto bambino nato con la camicia

Leggi anche: Terzo mese di gravidanza: cosa succede dalla nona alla dodicesima settimana

La fortuna dei bambini nati con la camicia

Il sacco amniotico è l’involucro che protegge il bambino, durante la gravidanza. Le membrane che costituiscono questo sacco sono ricche di sali minerali e proteine, il liquido amniotico in essa contenuto, inoltre, contribuisce a creare un ambiente confortevole per lo sviluppo del feto.
I nati con la camicia hanno la fortuna di venire al mondo protetti da questo involucro, dunque per loro l’esperienza del parto è meno traumatica: il liquido amniotico attenua gli urti e i bambini ricevono molto più ossigeno.

Foto bambino nato con camicia

Leggi anche: Seno in gravidanza: aumento di volume, tubercoli di Montgomery e capezzoli duri

bambini nati con la camicia: le credenze popolari

Al giorno d’oggi si crede che i bambini nati con la camicia vivano più tranquilli, grazie al fatto di essere venuti al mondo in modo poco stressante.
Anticamente, invece, le credenze volevano che nascere con la camicia avesse significati più mistici. Alcune culture credevano che il sacco amniotico che aveva accompagnato il piccolo in gravidanza fino alla sua nascita, fosse in grado di proteggerlo anche in età adulta. La maggior parte delle culture, invece, credevano che i nati con la camicia avessero poteri magici, per esempio quello di parlare con i fantasmi, di prevedere il futuro o di combattere le streghe.
Esistono però alcuni luoghi che, anticamente, associavano i nati con la camicia a un cattivo presagio: questi bambini sarebbero infatti diventati maghi o streghe malvagi, se non addirittura vampiri.

Foto piedini neonato

Leggi anche: Perdite in gravidanza: quando sono normali e quando preoccuparsi

Un professore una volta mi disse "non lavorare per vivere ma vivi per lavorare!". Dopo essermi laureata in Comunicazione aver conseguito un Master in Editoria, mi sono ritrovata a lavorare in un altro settore (HR). Nel 2018 ho avuto una bimba e, dopo la maternità, ho lasciato il lavoro da dipendente per dedicarmi alle mie passioni...e alla mia bimba. Ho quindi aperto una Partita Iva e ora collaboro con blog, testate giornalistiche e case editrici in qualità di Editor e Redattrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *