foto_babysitter

Babysitter uccide bimba di 22 mesi picchiandola senza pietà: la storia shock

Bimba di 22 mesi uccisa dal suo babysitter

Ha picchiato fino ad ucciderla una bimba di 22 mesi. Ora, l’orco che l’ha uccisa è stato arrestato per omicidio. Il tragico avvenimento risale allo scorso gennaio: a Liverpool, in Inghilterra, la piccola Elia-Rose Clover è stata brutalmente picchiata ed uccisa da Micheal l Wild, il suo babysitter 31enne.

Finalmente l’arresto

Finalmente in questi giorni, dopo mesi di attesa, c’è stato l’arresto dell’uomo accusato di omicidio. Insieme a lui è stata fermata anche l’ex compagna di allora, Sharleen Hughes, madrina di Ella-Rose. Per la donna l’accusa è quella di coinvolgimento nell’omicidio ed impedimento del giusto corso della giustizia. La prima settimana di giugno, per entrambi, dovrebbe arrivare la condanna definitiva.

foto_bimba_uccisa

Uccisa senza pietà

La piccola Ellie-Rose è morta per un arresto cardiaco ed una forte emorragia interna dovuta ad una serie di colpi inferti sul suo piccolo corpicino. Ignari invece i motivi che avrebbero portato l’uomo, lo stesso pagato per prendersi cura di lei, ad ucciderla in modo così brutale e drammatico.

Leggi anche: Babysitter picchia bimbo in ascensore: incastrata dalle telecamere VIDEO

La reazione della giovane mamma

La giovane mamma ventiseienne della piccola, Pagan Clover, è scoppiata a piangere non appena Micheal è stato condannato. Finalmente, ha fatto sapere, giustizia è stata fatta anche se niente e nessuno potrà ridarle indietro la sua amata bambina.

Pagan, che ha altri due figli, non si capacità di come possano esistere persone capaci di uccidere delle povere anime innocenti:

Non capirò mai come qualcuno possa fare del male intenzionalmente a qualcuno, specialmente a un bambino

.

Oltretutto, Micheal e la sua compagna erano persone fidate e molto care alla famiglia della piccola vittima:

Mi sono fidata di Mick e Sharleen al di là delle parole: queste persone si sono sedute in ospedale con me molte volte quando ho pregato i dottori di aiutarmi a scoprire cosa c’era che non andava in Ella. Ogni volta i medici erano così sconcertati e facevano tutto il possibile per ottenere risposte: io non capivo mentre lui sapeva tutto

ha aggiunto poi la donna.

foto_lilli_rose

Leggi anche: Il labrador babysitter che sta commuovendo il web (VIDEO)

Non era la prima volta che Micheal picchiava la piccola

Stando a quanto riportato dai media locali e sottolineato da ilmattino.it, non era infatti la prima volta che l’uomo picchiava la bambina: in particolare già in un’altra occasione Micheal Wild aveva aggredito Ella, che era stata sottoposta ad un intervento chirurgico di emergenza per rimuovere parte dell’intestino.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *