foto_puntura

Agofobia e bambini: ecco come distrarre i più piccoli dal dolore

Come distrarre i bambini dalla paura degli aghi

Molto spesso i genitori si ritrovano a fare i conti con le più disparate fobie dei figli: tra queste, senza dubbio, c’è anche la paura degli aghi e delle punture. Due ospedali pediatrici di Melbourne, in Australia, hanno però testato una realtà virtuale innovativa ed efficace che potrebbe aiutare i più piccoli a calmarsi di fronte ad un ago.

Il metodo

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata Journal of Pediatrics ed ha visto l’analisi di un campione composto da 250 bimbi di età compresa tra i quattro e gli undici anni. In un primo momento i ricercatori hanno preso in analisi i bambini che necessitavano di incannulazione endovenosa o venopuntura, in un secondo tempo poi quelli che avevano bisogno di venipuntura.

foto vaccino

Leggi anche: Rimedi per il pianto dei neonati: l’agopuntura

Gli studiosi hanno utilizzato dei visori che fossero in grado di riprodurre il mondo sottomarino, in modo che i piccoli potessero facilmente distrarsi guardando il mare ed i pesci. Non solo: il tutto è stato accompagnato dal rumore delle onde.

I risultati

Gli esperti hanno poi chiesto ai bimbi di dare un voto al dolore provato durante le punture. Ne è emerso che grazie all’utilizzo di questi visori “calmanti” durante il momento dell’iniezione il dolore percepito dai bambini è diminuito del 41-60%. L’ansia e la tensione, allo stesso modo, sono diminuite del 35-45%.

foto_vaccino

Non solo: i visori di questa realtà virtuale hanno avuto degli effetti benefici anche sui genitori. Riprodurre il mondo sottomarino ha infatti fatto sì che le madri ed i padri riducessero la loro preoccupazione di ben il 75%.

Leggi anche: Bambini più sensibili delle bambine al dolore fisico? È uno stereotipo

foto_puntura

Le parole dell’esperto

Simone Cohen, uno dei coordinatori della ricerca, ha così spiegato lo studio:

Il ricordo di una precedente esperienza dolorosa ha una forte influenza sull’esperienza di dolore durante procedure successive. Intervenendo su queste esperienze, possiamo aiutare sia i bambini sia i genitori quando sono richiesti trattamenti necessari ma dolorosi, che provocano ansia.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *