foto_culla_ospedale_neonato

La confessione shock di un’infermiera: “Ho scambiato bimbi nella culla per divertimento”

Zambia, la confessione shock di un’infermieraa

È letteralmente scioccante la confessione di un’infermiera del reparto di maternità dell’University Teaching Hospital di Lusaka, in Zambia. La donna ha infatti ammesso di avere, nel corso della sua attività professionale, scambiato quasi cinquemila bambini in culla semplicemente per divertimento.

“Scambiavo bimbi in culla per divertimento”

Alla donna è stato diagnosticato un tumore allo stadio terminale, e le resta poco da vivere. Ecco perché ha deciso per sua stessa ammissione di “rendere conto dei peccati“, raccontando quanto fatto per anni allo Zambian Observer, quotidiano locale.

Leggi anche: Russia, scambio di culle shock: dà la figlia ad un assassino e una alcolista

foto_ Elizabeth_Mwewa
Foto di: Genesis Media

Proprio al giornale l’ex infermiera ha raccontato di aver:

trovato Dio e sono rinata, e quindi non voglio più nascondere nulla: nei 12 anni in cui ho lavorato come infermiera al reparto Maternità dell’UTH ho scambiato nelle loro culle circa 5mila neonati. Ho peccato contro Dio, e spero che lui mi possa perdonare. E chiedo anche agli zambiani di perdonarmi per tutto il male che ho fatto a bambini innocenti. Ho provocato il divorzio di alcune coppie che, sebbene fossero fedeli, hanno pensato a un tradimento dopo il test del DNA. Ho fatto allattare a molte madri figli non loro

.

foto_ospedale

Leggi anche: Infermiera scambia neonati: genitori tornano a casa col figlio sbagliato

L’invito

In seguito l’ex operatrice sanitaria ha invitato tutti i bambini nati nella struttura ospedaliera presso cui ha prestato servizio tra il 1983 e il 1995 a verificare la propria identità sottoponendosi ad esami del DNA.

Scambiavo i bambini per divertimento. Quindi se tutti i vostri fratelli e sorelle hanno la pelle molto scura e voi ce l’avete più chiara, è probabile che vi abbia scambiato io, e mi dispiace molto per questo

.

Difficile credere che tutto questo sia stato possibile. Eppure, Elizabeth Mwewa – questo il nome della donna – ha svolto l’assurda pratica per anni, passando inosservata. Ora, malata ed in fin di vita, è troppo tardi anche per pagare.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *