foto_carabinieri

Catania, abusi sessuali e violenze su moglie e figlio: 36enne arrestato

Catania, il dramma di una donna e del figlio

È stato arrestato un uomo 36enne di Catania per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e violenza sessuale aggravata nei confronti della moglie e del figlio di dodici anni. Dopo le ripetute denunce della donna, l’uomo è stato fermato dai Carabinieri. Secondo l’accusa il trentaseienne non solo picchiava quotidianamente la compagna, ma l’avrebbe anche costretta a toccare il figlio nelle parti intime. Solo a quel punto la donna ha trovato il coraggio di mettere fine al suo incubo.

I fatti

Le indagini hanno fatto emergere dei particolari inquietanti, riportati da TgCom24. L’arrestato aggrediva e minacciava la moglie davanti di tre figli, picchiandola con pugni e calci in tutto il corpo. Alcune volte gli è capitato anche di prendere un coltello, arrivando poi a cospargerle il capo con liquido infiammabile.

foto_donna_piange

Leggi anche: Bimba di quattro anni violentata dal padre: sul cellulare i video degli abusi

Non solo: secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l’uomo ha costretto ripetutamente la donna a subire violenza sessuale da parte di estranei, portandola in luoghi appartati in macchina. La compagna dell’uomo non ha mai avuto il coraggio di denunciare i terribili abusi, fino a quando è stato il figlio a farle aprire gli occhi.

foto_abusi_minori

Mamma costretta a toccare le parti intime del figlio

Quando l’uomo ha costretto la donna a toccare le parti intime di loro figlio, il piccolo avrebbe detto “papà è scemo, è un pazzo“. Solo a quel punto la mamma ha deciso di mettere fine ad un incubo che durava da troppo tempo.

Leggi anche: Russia, la violenza su mogli e figli non sarà più reato

La denuncia e l’arresto

Dopo essersi recata dai Carabinieri, la quarantenne ha denunciato il marito raccontando l’inferno vissuto negli ultimi due anni. A quel punto gli uomini dell’Arma hanno provveduto all’arresto dell’uomo, che attualmente si trova nel carcere di Catania Piazza Lanza. La donna ed i bambini sono stati invece sistemati in una struttura protetta, dove ora sperano di ricominciare a vivere.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *