foto Alice

Alice nel paese delle meraviglie personaggi: i segreti sulla favola

Favole per bambini: Alice nel paese delle meraviglie

Una serie di segreti e di curiosità si celano dietro la favola per bambini di Alice nel paese delle meraviglie. La fiaba di Lewis Carroll, che negli anni ha ispirato opere teatrali, film e cartoni animati, nasconde messaggi importanti. Alice, la protagonista del racconto, è una bambina realmente esistita e l’autore ha messo nel romanzo la sua vita. La versione Disney di Alice nel paese delle meraviglie ha cambiato diversi aspetti della storia, dando risalto ad alcuni personaggi, come il Bianconiglio e il Cappellaio Matto, a scapito di altri. Anche la ricerca di Alice della sua identità e indipendenza, preponderante nel libro di Carroll, viene leggermente limata nel film di animazione della Disney.
Ecco tutti i segreti sulla protagonista della favola e di alcuni personaggi di Alice nel paese delle meraviglie.

Alice nel paese delle meraviglie: le curiosità sulla protagonista

Il romanzo di Alice nel paese delle meraviglie nasce dall’amicizia tra Lewis Carroll e Alice Liddell, una bambina di dieci anni. In realtà non tutti sanno che l’aspetto fisico di Alice nella favola è molto diverso da quello della persona che l’ha ispirata. Alice Liddell aveva infatti i capelli castani, mentre la protagonista del romanzo è bionda. La bambina curiosa del film Disney del 1951 è stata disegnata prendendo ispirazione dall’attrice Kathryn Beaumont, che ha dato voce ad Alice nella versione originale della pellicola.
Un’altra curiosità sulla fiaba è che nel dodicesimo capito di Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò, Carroll ha inserito un riferimento chiaro alla Liddell, utilizzando un acrostico: le prime lettere di ogni riga del capitolo compongono infatti il nome “Alice Liddell“.
Il personaggio di Alice ha subito alcuni cambiamenti nella versione Disney. Nel romanzo originale infatti la bambina soltanto all’inizio è spinta a seguire il Bianconiglio, mentre la sua ricerca nel racconto si sposta sul giardino che intravede dalla minuscola porta presente all’inizio della favola. Walt Disney ha voluto dare maggior spicco alla figura del coniglio bianco con il panciotto che solletica la curiosità della protagonista e viene inseguito per tutto il film.
Una curiosità sulla fiaba per bambini riguarda inoltre lo stesso autore. Lewis Carroll infatti soffriva di una malattia neuropsicologica che lo portava ad avere allucinazioni e a confondere gli oggetti, vedendoli più piccoli o più grandi rispetto alla realtà. Il continuo cambiamento nelle dimensioni della protagonista di Alice nel paese delle meraviglie potrebbe perciò essere stato frutto della patologia dell’autore. Nel 1955 lo psichiatra inglese Todd scoprì la malattia da cui era affetto Carroll e gli diede il nome di “Sindrome di Alice nel paese delle meraviglie“.
In basso una serie di video con alcune delle scene più belle della ricerca di se stessa di Alice nel film Disney e in quello del 2010 di Tim Burton.

Leggi anche: La lepre e la tartaruga: la morale della fiaba per bambini, la storia e i video

foto Brucaliffo

Alice nel paese delle meraviglie: chi è veramente il Brucaliffo

Un bruco blu alto circa tre pollici. Il Brucaliffo di Alice nel paese delle meraviglie si presenta così. È lento, scostante e di poche parole. Il personaggio della favola per bambini sembra infastidito da Alice e dalle sue mille domande. Si tratta di una figura in realtà molto importante del racconto. Secondo alcune interpretazioni incarna l’adulto saggio che ha già vissuto e ha le risposte alle domande esistenziali che Alice pone. Il Brucaliffo però non fornisce alla protagonista della favola le informazioni che cerca, ma si limita a darle i mezzi per poter agire nella vita (il fungo che fa crescere e tornare piccoli). Il Brucaliffo lascia Alice libera di sbagliare e imparare dagli errori e solo nel film Disney si trasforma in farfalla e se ne va, mentre nel libro resta un bruco blu che fuma narghilè.
Nella favola di Alice nel paese delle meraviglie, altri personaggi incarnano la figura dell’adulto. Il Bianconiglio rappresenta la fretta, la rincorsa del tempo, mentre la Regina di Cuori incarna l’aspetto rabbioso dell’uomo.
In basso due video sul personaggio del Brucaliffo in Alice nel paese delle meraviglie e in Alice in wonderland.

Leggi anche: Alice nel paese delle meraviglie: il significato, le filastrocche e i video più belli

foto Stregatto

Storia di Alice nel paese delle meraviglie: il ruolo dello Stregatto

Lo Stregatto, o Gatto del Cheshire nella versione originale, è un personaggio sopra le parti nella fiaba di Alice nel paese delle meraviglie. È lui a svelare alla bambina che in quel luogo sono “tutti matti” e cerca di indirizzarla quando non sa che direzione prendere. Secondo alcune interpretazioni lo Stregatto incarnerebbe l’autore del romanzo. Si tratta di un personaggio che non aiuta nè i cattivi nè i buoni ed è caratterizzato dal suo grande sorriso. Nel film Disney è un gatto paffutello e irriverente, disegnato con strisce di colore lilla e viola, che scatena la Regina contro Alice con i suoi giochi di prestigio.
In basso due video sullo Stregatto nel film di animazione Disney e nella pellicola diretta da Tim Burton.

Leggi anche: Il libro della giungla: 5 curiosità sul racconto per bambini

foto Cappellaio Matto

Fiaba Alice nel paese delle meraviglie: la verità sul Cappellaio Matto

Anche il Cappellaio Matto diventa una figura di spicco nel film Disney di Alice nel paese delle meraviglie. Il simpatico personaggio, diventato un protagonista assoluto nel film di Tim Burton, Alice in wonderland, ispirato alla favola per bambini, introduce nel film Disney il tema del “non compleanno”. In realtà nel romanzo di Lewis Carroll non è il Cappellaio Matto a parlare per primo della strana ricorrenza, ma Humpty Dumpty, l’uovo parlante assente nel cartone della Disney.
Il Cappellaio Matto della storia per bambini introduce il rito del tè in un tempo infinito che confonde e si confonde. I protagonisti della favola non arrivano mai a sorseggiare quella tazza di tè che è sempre sfuggente. Secondo un’interpretazione psicologica la scena sottolinea l’incapacità dell’uomo di compiere un’azione e di vivere a pieno. Un’interruzione, quella del tè, che descriverebbe la vita di chi non evolve e resta bloccato in un limbo.
In basso alcune scene divertenti sul Cappellaio Matto del film Disney e di Alice in wonderland.

Leggi anche: Oceania: tutti i segreti e le curiosità sul personaggio di Maui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *