Foto ragazzo grida al lupo

Al lupo al lupo: storia, morale e video della favola di Esopo

Fiabe per bambini intramontabili: al lupo al lupo di Esopo

Era il VI secolo A.C. quando Esopo, scrittore greco, inaugurò il genere delle favole. Al lupo al lupo è indubbiamente una delle più famose storie per bambini, tuttora note in tutto il mondo, raccontate da Esopo.
Le favole di Esopo, come tutti gli scritti appartenenti a questo genere letterario, trasmettono a grandi e piccini insegnamenti molto importanti (sono pertanto definite archetipiche).
Ecco dunque la storia per bambini di Al lupo al lupo, i video e le filastrocche a essa ispirate, nonché la morale di questa intramontabile favola di Esopo.

Al lupo al lupo: la storia per bambini

Se le odierne fiabe per bambini sono troppo ripetitive, una buona idea può essere quella di ripescare le favole classiche.
Raccontare ai figli, prima di andare a dormire, una storia per bambini con un significato profondo, può aiutare a trasmettere più facilmente un insegnamento importante.
Se infatti i bambini non gradiscono le “lezioncine” dei genitori, un messaggio ricavato da una fiaba per bambini può rimanere più facilmente impresso ed essere accolto con maggior facilità.
Ecco, dunque, la storia Al lupo al lupo, di Esopo.

Un pastorello conduceva ogni giorno le sue pecore a pascolare.
Si annoiava molto e così decise di fare uno scherzo a tutta la gente del villaggio.
“Aiuto… al lupo al lupo!” Cominciò allora a gridare con quanto fiato aveva in gola.
Tutti i contadini accorsero armati di forconi e randelli, ma quando arrivarono nel grande prato non videro neanche l’ombra del lupo. Il pastorello rideva a crepapelle: “Era solo uno scherzo e voi ci siete cascati!”
Qualche giorno dopo ripetè lo stesso scherzo e i contadini allarmati giunsero di corsa al prato.
Presto si accorsero che il pastorello si era preso gioco un’altra volta di loro.
Un giorno arrivò d’improvviso un intero branco di lupi; il pastorello cominciò a gridare disperatamente:
“Al lupo al lupo!”
Ma i contadini, credendo a un altro scherzo, non si mossero più.
Indisturbati, i lupi, fecero strage di pecore e agnelli.

Foto ragazzo che gridava al lupo

Leggi anche: Cip e Cop: storia da raccontare, filastrocca e curiosità sugli scoiattoli Disney

Filastrocca per bambini ispirata alla favola di Esopo

La storia Al lupo al lupo ha scatenato la fantasia di molti scrittori. Ecco una breve e simpatica filastrocca per bambini ispirata alla favola del “ragazzo che gridava Al lupo!”. Le rime la rendono facilmente memorizzabile e quindi molto apprezzata dai bambini, anche dai più piccini. Insegnarla ai figli può aiutare a far loro rimanere impressa l’importante morale di questa favola per bambini di Esopo. Un modo divertente per dare un giusto insegnamento.

Il pastorello bugiardo urlava
“Al lupo al lupo!”
E la gente chiamava;
per giorni e giorni
qualcuno accorreva
e il pastorello rideva rideva
ma una volta il piccol pastore
sentì un lupo
urlar con clamore:
“Al lupo al lupo!”
Gridò a perdifiato,
ma da nessuno fu aiutato.
Se la lezione hai ben capito,
sai che bugiardo
vien sempre punito;
non gridar mai
“Al lupo al lupo!”
Se bisogno non hai di aiuto

Foto lupo fra le pecore

Leggi anche: Mulan 2 Disney: la storia, i personaggi e le canzoni della favola per bambini

Morale della favola per bambini Al lupo al lupo

La storia per bambini raccontata da Esopo in Al lupo al lupo è molto semplice, adatta dunque anche ai lettori più piccoli. Nella sua semplicità, offre però un grande insegnamento: non dire mai le bugie. La persona che mente, infatti, non verrà creduta neppure quando dirà la verità. Proprio come il pastore della fiaba per bambini. Lui si divertiva a fare scherzi agli abitanti del villaggio, quando poi ha avuto bisogno di aiuto però, nessuno è andato in suo soccorso in quanto credevano fosse un altro scherzo. Un secondo messaggio trasmesso da Esopo, nella favola Al lupo al lupo, è di non ripetere a lungo gli scherzi. Il pastore infatti non è stato creduto perché aveva ripetuto diverse volte lo scherzo. Infine, bisogna stare attenti al “lupo”, inteso come “il male” e dunque non scherzare sulle cose pericolose.

Foto libro favole esopo

Leggi anche: La Sirenetta Disney: curiosità e segreti sulla favola per bambini

Video per bambini: i più belli ispirati alla storia Al lupo al lupo

La favola Al lupo al lupo, nota anche come “Il ragazzo che gridò al lupo!” è una fiaba per bambini famosa in tutto il mondo e molti sono i video che raccontano la storia di Esopo. Alcuni accompagnano il racconto a disegni animati, altri hanno creato dei veri e propri cartoni animati per bambini, altri ancora invece hanno girato video dove raccontano personalmente la storia.
Di seguito alcuni video per bambini presi da Youtube, da far vedere ai figli per farli imparare divertendosi.

Leggi anche: Hansel e Gretel: la storia, le filastrocche e le origini

Favole per bambini: Il lupo nelle canzoni

Il personaggio del lupo ha ispirato moltissime canzoni per bambini. Di seguito alcuni video presi da YouTube, non direttamente ispirati alla favola per bambini Al lupo al lupo, ma utili per far cantare i bambini con simpatiche e allegre canzoncine.
La prima è la famosa canzone di Lucio Dalla “Attenti al lupo”, seguita da un brano che si intitola “La lezione della mamma”, dove una capretta mette in guardia i suoi cuccioli dal lupo cattivo.
Non sempre il lupo è visto, però, con accezione negativa. La terza canzone per bambini proposta, infatti, è “La canzone del lupo Gedeone”, dove il lupo appare come un personaggio simpatico, che non mangia i bambini ma torte e involtini, e aiuta i bambini a imparare la tabellina del 9. L’ultimo brano “Tato lupo”, parla addirittura di un lupo vegetariano, che lavora a maglia e gioca a palla con le carpette.

Leggi anche: La Sirenetta 2: ritorno agli abissi. Storia, personaggi e canzoni del film Disney

Un professore una volta mi disse "non lavorare per vivere ma vivi per lavorare!". Dopo essermi laureata in Comunicazione aver conseguito un Master in Editoria, mi sono ritrovata a lavorare in un altro settore (HR). Nel 2018 ho avuto una bimba e, dopo la maternità, ho lasciato il lavoro da dipendente per dedicarmi alle mie passioni...e alla mia bimba. Ho quindi aperto una Partita Iva e ora collaboro con blog, testate giornalistiche e case editrici in qualità di Editor e Redattrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *