geraldine newman

Uomo ammazza moglie e figli e poi si suicida: pensava che lei lo tradisse

Inghilterra, marito ammazza la moglie e i figli: era convinto che lei lo tradisse

Ancora una vittima della cieca gelosia dell’uomo, ancora una donna uccisa da un marito incapace di gestire un rapporto ormai logorato. Questa volta la tragica storia arriva dal Regno Unito. L’uomo che ha compiuto il tragico gesto, non si è limitato solamente a porre fine alla vita della moglie, ma ha voluto punire anche i figli di 11 e 6 anni, ammazzando anche loro. L’uomo 42enne, Paul Newman, si è poi tolto la vita, gettandosi nel luogo in cui 17 anni prima aveva chiesto alla moglie di sposarlo: una scogliera in Galles.

Leggi anche: Latina, carabiniere spara alla moglie e alle figlie e si suicida

L’uomo ha ucciso la moglie con un martello e i figli con un coltello

L’uomo era convinto che la moglie lo tradisse, e ha così deciso di ucciderla, e con lei anche i loro figli di soli 11 e 6 anni.

Le indagini portate avanti dal tribunale, hanno ricostruito la vicenda. Paul Newman avrebbe ucciso la moglie Geraldine di 51 anni con un martello. L’uomo ha poi accoltellato a morte sua figlia e suo figlio, Shannon e Shane. In preda alla follia, l’uomo si è poi messo in viaggio in treno per raggiungere l’Isola di Anglesey in Galles, dove aveva chiesto alla moglie di sposarlo. Paul è partito dal suo paese, Leeds, e ha fatto un viaggio di oltre 200 chilometri, per lanciarsi dalla cima di una scogliera di 70 metri.

I corpi di Geraldine, Shannon, e Shane, sono stati seppelliti da Paul nella casa di famiglia ad Allerton Bywater, vicino a Leeds, il 2 febbraio 2016. Poche ore dopo, in mare nell’Isola di Anglesey, è stato trovato anche il corpo di Paul.

Leggi anche: Egitto, addormenta moglie e figli con il sonnifero e li uccide

paul newman figli

In questi giorni sul caso si è espressa la Corte di Wakefield, che ha confermato che Newman ha colpito la moglie alla testa con un martello almeno tre volte, per poi adagiare il suo corpo sul divano del soggiorno e coprirlo con un piumone. Paul ha poi pugnalato Shannon e Shane al petto e al collo 22 volte, per poi deporre i loro corpi su un letto e coprirli “un piumone, una statua di Gesù, rosari e croci”.

Nessuno ha previsto cosa stava per accadere. Non c’erano mai state minacce esplicite Possiamo solo credere che temeva di perdere i propri figli dopo la fine del rapporto con la moglie.

ha detto il magistrato Kevin McLoughlin.

Leggi anche: Padova, scuote bambina di 9 mesi e la uccide: condannato

L’uomo aveva già compiuto gesti simili

Newman aveva già ricevuto una condanna a 17 settimane nell’ottobre 2013 per aggressione e percosse su Geraldine. Rita, la sorella dell’uomo, ha rivelato che Newman pensava che la moglie avesse una relazione con una persona di nome Martin. Geraldine, all’epoca, gli ha permesso di tornare nella casa di famiglia dopo aver scontato la pena, ma nel 2016 Paul ha compiuto il tragico gesto. Newman, secondo la Corte, era “sotto antidepressivi e soffriva di un disturbo ossessivo compulsivo”.

geraldine paul newman

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *