vaccini e autismo

I vaccini non causano autismo: l’ennesima prova scientifica

Vaccini e autismo, non c’è correlazione: lo dimostra la scienza

Ancora una volta la scienza confuta l’ipotesi che vi sia correlazione tra vaccini e autismo. Come dimostra uno studio danese, l’autismo non dipende in alcun modo dal vaccino trivalente. Negli anni molte ricerche scientifiche hanno smentito l’ipotesi, senza alcun fondamento, che i vaccini provochino autismo. Adesso, l’ultimo studio dà l’ennesima prova che non vi sia alcuna correlazione tra le due cose.

Leggi anche: Tra SIDS e vaccini non c’è correlazione: la ricerca

Lo studio danese parla chiaro: l’autismo non dipende dai vaccini

Non ci sono legami tra l’autismo e il vaccino trivalente per morbillo, parotite e rosolia, il cosiddetto MPR. Lo studio è stato condotto da ricercatori danesi su un campione davvero molto ampio: 657.461 bambini. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Annals of Internal Medicine dell’American College of Physician, organizzazione dei medici statunitensi. Come abbiamo detto, sono stati presi in considerazione 657.461 bambini nati in Danimarca tra il 1999 e il 2010. Di questi bambini, 6.517 hanno sviluppato forme di autismo. Dagli esami svolti, non è stata riscontrata nessuna differenza nel rischio di sviluppare l’autismo tra bambini vaccinati e bambini non vaccinati.

vaccini

Leggi anche: Vaccini obbligatori: i bambini non immunizzati fuori dalle scuole

Vaccini e autismo: perché c’è la convinzione che siano correlati

Molti genitori credono erroneamente che vi sia correlazione tra vaccini e autismo. Questo porta ovviamente a delle conseguenze gravissime, come l’abbassamento dell’immunità di gregge, che ha reso necessaria l’introduzione dell’obbligatorietà dei vaccini.

Si iniziò a parlare del legame tra autismo e vaccini nel 1998, quando Andrew Wakefield, un medico, pubblicò una controversa ricerca sulla rivista The Lancet. Secondo Wakefield, vi era un legame tra vaccino trivalente e autismo. Negli anni seguenti si scoprì che l’articolo di Wakefield non era veritiero: infatti il medico aveva falsato e omesso diversi dati. Ad esempio, il medico prese i casi di alcuni genitori avevano fatto causa al sistema sanitario per i vaccini. Inoltre, Wakefield stava brevettando una medicina alternativa al vaccino trivalente. La sua tesi sull’autismo correlato alle vaccinazioni, non era quindi veritiera, né tanto meno verificata.

Nel febbraio del 2010 lo studio fu ritirato dalla rivista The Lancet e nel 2012 Wakefield fu radiato e gli fu vietato di proseguire la professione medica in seguito ad una sentenza dell’Alta Corte britannica.

vaccino

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *