foto Jasmine Genio e Aladdin

Aladdin Disney: i segreti inaspettati sul protagonista, Jasmine e il Genio

Aladdin: tutto quello che nessuno sa sul film Disney

La storia di Aladdin segna una svolta importante nel mondo delle favole per bambini. Il film Disney infatti sulla fiaba tratta da Le mille e una notte ha rotto gli schemi passando da racconti per bambini in cui la protagonista assoluta è la principessa (come in Cenerentola, La bella e addormentata e Biancaneve) a storie in cui il personaggio maschile diventa fondamentale. La trasposizione Disney di Aladdin nel 1992 nasconde in realtà segreti e curiosità stuzzicanti che il pubblico non sa, a partire dal Genio della lampada per arrivare a Jasmine. La storia per bambini ha subito inoltre un importante cambiamento nel film di animazione che l’ha resa più avvincente e meno dura della versione originale, focalizzando l’attenzione sul messaggio morale della scelta e della ricerca della libertà. Di seguito ecco tutte le curiosità su Aladdin, Jasmine e sul Genio della lampada.

Aladdin Disney: curiosità sul protagonista della favola per bambini

Svogliato, fannullone, scansafatiche e approfittatore. Queste sono le caratteristiche di Aladino nella storia per bambini originale di Antoine Galland, la versione Disney di Aladdin ha proposto un protagonista ben diverso, lontano dal ragazzo che ha perso il padre, rifiuta il lavoro e grava sulla povera madre. Aladdin viene presentato come un povero orfano, squattrinato ma dal cuore d’oro. Il principe della favola del 1992 è generoso, tanto da dividere il cibo con gli animali e con la sua amica scimmietta, Abù. Nonostante la propensione a compiere piccoli furti, tipici anche del personaggio descritto nelle prime versioni della storia, Aladdin è un esempio di positività. Proprio come avvenuto per Pinocchio, la versione Disney di Aladdin ha elevato il protagonista rendendolo amabile. Non solo bello e nobile d’animo, Aladdin diventa un principe azzurro 2.0, contemporaneo, simpatico e astuto, pronto a lottare per conquistare la donna amata e a leggere i suoi desideri.
I disegnatori Disney si sono ispirati a Tom Cruise per delineare i tratti somatici del personaggio di Aladdin, che inizialmente doveva essere un tredicenne. La scelta è stata quella di rendere il ragazzo un uomo, aumentando la sua età per arrivare a 18 anni. Per le sue movenze fisiche di Aladdin è stato preso come modello il rapper e ballerino MC Hammer.
In basso alcune scene su Aladdin, compresol’incontro con la principessa Jasmine.

Leggi anche: Aladdin: la storia Disney, le canzoni e i video per i bambini

foto Jasmine

Aladdin e Jasmine: il carattere ribelle della principessa

Se Aladdin rappresenta un principe moderno nella favola per bambini, Jasmine non è da meno. La principessa dalla pelle ambrata è tutt’altro che una ragazza remissiva e paziente. Jasmine mostra subito il suo carattere ribelle. Nella storia Disney la principessa scappa da palazzo per scoprire il mondo e incontra l’uomo della sua vita. A conquistarla non è solo l’aspetto o la bontà d’animo di Aladdin, ma il coraggio quasi sfrontato, la vitalità e la generosità del protagonista maschile della fiaba. Il rischio e l’imprevedibilità diventano due elementi fondamentali nella storia d’amore tra Jasmine e Aladdin, dove l’avventura prende il posto del “e vissero tutti felici e contenti”. Il personaggio di Jasmine perde l’ingenuità di Biancaneve o de La bella addormentata nel bosco, che cadono facilmente nel tranello delle streghe mangiando la mela e pungendosi con un arcolaio. La principessa di Aladdin è astuta e maliziosa, tanto da fingere di essere innamorata di Jafar, il mago cattivo, per permettere a Aladdin di rubare la lampada. Jasmine è una ribelle e contrasta il padre puntando i piedi contro un matrimonio combinato.
Il personaggio femminile che ha ispirato Jasmine, nei tratti fisici, è l’attrice americana Jennifer Connolly. In realtà L’American-Arab Anti Discimination Commitee ha contestato il modo in cui sono stati rappresentati Aladdin e Jasmine, considerati troppo anglicizzati, con la pelle più chiara degli altri personaggi del film Disney. Anche l’accento dei protagonisti è stato considerato anglo-americano, mentre i personaggi secondari hanno un accento più arabo e sarebbero stati descritti in modo grottesco.
In basso alcune scene del film Disney Aladdin con la principessa Jasmine.

Leggi anche: Aladdin: è online il primo teaser trailer del live-action rilasciato da Walt Disney Pictures

foto Genio

Genio della lampada: i segreti della storia per bambini

Aladdin propone tre filoni di lettura, raccontando la storia di un ragazzo che con caparbietà trova la sua strada e il vero amore, la favola di una principessa coraggiosa che rivendica la sua libertà di scelta e la fiaba di un Genio che vuole liberarsi dalla schiavitù. È proprio il Genio della lampada il vero protagonista di Aladdin secondo molti critici. Il film Disney ha dato un risalto inaspettato a un personaggio che, nella storia per bambini, è decisamente secondario. Il Genio, che nella versione americana del film è stato doppiato da Robin Williams è simpatico, irriverente e pronto a catalizzare l’attenzione su di sè. Gran parte delle scene riservate al Genio della lampada nel film Disney sono in realtà il frutto dell’improvvisazione di Robin Williams che, durante il lavoro in sala di registrazione, ha dato carattere al personaggio. Celebri sono le sue imitazioni di Arnold Schwarzenegger, Robert De Niro e Jack Nicholson. Gli sceneggiatori di Aladdin hanno fatto centro permettendo all’attore di esprimere tutta la sua arte e il suo umorismo nell’interpretazione del Genio della lampada, senza mettere paletti alla creatività. È stata proprio la libertà concessa a spingere Robin Williams ad accettare di impersonare il personaggio del Genio in Aladdin. L’attore ha prestato la sua voce anche al venditore che introduce la favola per bambini.
Non tutti sanno che la storia Disney inizialmente avrebbe dovuto aver due Geni, il primo quello della lampada, il simpatico personaggio azzurro con barba e codino, il secondo sarebbe dovuto uscir fuori dall’anello di Jafar. Il mago cattivo, e lo spirito dell’anello, si sarebbero dovuti scontrare contro Aladdin e il Genio. L’idea è stata poi accantonata per dar risalto soltanto al Genio della lampada che, nella versione italiana del film Disney, è stato doppiato da Gigi Proietti. Nel film Disney inoltre, al contrario di quanto succede nella storia originale de La lampada di Aladino, il Genio viene liberato con l’ultimo desiderio a disposizione di Aladdin.
In basso è possibile vedere il venditore presente nell’incipit della storia di Aladdin e alcune delle scene cult del film con protagonista il Genio.

Leggi anche: Pinocchio canzoni: i brani Disney e la sigla più bella del cartone

foto Aladdin e Jasmine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *