foto bambina influenzata con la mamma

Influenza 2019: la peggiore degli ultimi anni? I bambini sono a rischio

Influenza, è in arrivo il picco di contagi

Il freddo continua a colpire l’Italia e l’allarme influenza non è ancora finito. Il picco di contagi è previsto infatti nei prossimi giorni, in base quanto affermato dal virologo dell’università di Milano Fabrizio Pregliasco:

Nella settimana in arrivo potremmo arrivare a 5 milioni di pazienti, preparandoci al picco.

Il clima mite delle settimane di dicembre in Italia ha di fatto posticipato il periodo più critico per l’influenza. Il picco dovrebbe essere previsto proprio per la prima metà di febbraio. Il freddo delle ultime settimane ha portato a un aumento dei casi di malattia con circa 4 milioni di italiani a letto che potrebbero arrivare a 5, registrando la stagione peggiore degli ultimi 16 anni. Tra le categorie più colpite, oltre agli anziani, i bambini. Le scuole sono in genere i luoghi in cui il contagio avviene maggiormente. Dopodiché i più piccoli tendono a portare l’influenza a casa, contagiando anche i genitori. La scorsa settimana 720 mila persone sono finite a letto per l’influenza e nei prossimi giorni, in base alle attese, si potrà arrivare a 800 mila.

Sintomi dell’influenza: i campanelli d’allarme quando il bambino sta male

Quali sono i sintomi dell’influenza? I campanelli d’allarme che i genitori devono monitorare per valutare se il proprio bambino è stato contagiato sono: la febbre sopra i 39 gradi, mal di ossa, dolori muscolari, stanchezza, inappetenza e, ovviamente, mal di gola e raffreddore. Il consiglio in questi casi è quello di tenere i bambini a casa, a riposo. Far stare i più piccoli tra le mura domestiche anche in caso di mal di gola e raffreddore non accompagnati da febbre. In questo modo si eviterà il contagio che, nelle scuole, è sempre elevato, considerata la vicinanza fisica dei bambini e gli ambienti spesso poco arieggiati. L’influenza 2019, secondo quanto riportato dal virologo Fabrizio Pregliasco, dovrebbe iniziare la sua fase discendente solo con la fine del mese di febbraio.

Leggi anche: Influenza, in Italia è arrivato il picco: tanti i bambini contagiati

foto bambina con la febbre

Influenza nei bambini: le regole per evitare il contagio

Esistono delle precauzioni utili che i genitori possono mettere in pratica per evitare che i bambini prendano l’influenza. Per prima cosa lavarsi spesso le mani, soprattutto dopo che si è stati fuori. Una regola importante da insegnare ai bambini è quella di usare acqua e sapone quando si torna da scuola. In questo modo si evita di portare germi e batteri in casa. È bene inoltre usare un abbigliamento a cipolla, in modo da togliere o aggiungere strati in base alla temperatura percepita. Si eviteranno così sbalzi termici, che spesso causano raffreddamenti. È poi utile, per quanto possibile, stare lontani dagli starnuti altrui, anche se il virologo di Milano ha ammesso che è impossibile mettersi sotto una campana di vetro. Infine, come sottolineato da Fabrizio Pregliasco un valido alleato contro l’influenza è senza dubbio il vaccino, in genere consigliato per gli anziani e le categorie a rischio.

Leggi anche: Influenza nei bambini, si può combattere con gli integratori naturali

foto bambina influenzata che beve

Questo articolo è stato verificato con:

  • https://www.ilmessaggero.it/salute/medicina/influenza_2019_quanto_dura_sintomi_cura_ultima_ora-4275017.html?fbclid=IwAR29g-UAdG3DKXGBEymnYSxpCScCJeHXu2LHj0spTNJ4_OdvgipcsRpe6pg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *