Cos’è l’oggetto transizionale?

L’oggetto transizionale

Spesso i bambini piccoli scelgono una copertina, un pupazzo, ma anche una sciarpetta o una semplice maglia, come oggetto preferito da cui allontanarsi è proprio impossibile. Si chiama oggetto transizionale, è scelto dal bambino e deve essere sempre presente in tutte le fasi della giornata: anche a scuola, ad esempio. Di seguito tutto ciò che c’è da sapere su questo “oggetto speciale”.

Cos’è l’oggetto transizionale?


Tanti giochi regalati per poi vedere il proprio bambino, quasi ossessionato dallo stesso “oggetto”. Un comunissimo orsetto, una copertina o semplicemente un panno da stringere forte a sé. Un qualcosa che “sa di mamma”, di affetto, di coccole e di sicurezza. Un compagno di avventure che deve essere sempre presente. Tutto questo ha un nome: oggetto transizionale.

L’oggetto transizionale per il bambino

foto_bambino_giochi

L’oggetto transizionale per il bambino è molto importante. Questo perchè la copertina, il peluche o qualsiasi altro oggetto scelto dal bambino lo aiuta ad affrontare le paure ed ha anche un potere calmante e rilassante sul piccolo. Solitamente è un qualcosa di caldo e morbido, che in qualche modo gli ricorda la figura materna. Infatti, quest’oggetto è di fondamentale importanza per il bambino soprattutto quando la mamma non è presente. Ecco perchè molti bambini portano il loro oggetto transizionale al nido e ovunque, fuori casa.

LEGGI ANCHE: Quali sono i peluche adatti ai neonati

L’oggetto transizionale di Winnicott

bimbo peluche

Il primo a parlare di oggetto transizionale, o fenomeno transizionale, è stato il pediatra e psicoanalista inglese Donald Woods Winnicott riferendosi ad un particolare momento dello sviluppo del bambino. L’oggetto, infatti, aiuterebbe il piccolo ad attraversare la fase dello sviluppo dell’Io e della differenziazione dalla madre. In altre parole l’oggetto tradizionale aiuterebbe il bambino, che fin dalla nascita è completamente dipendente dalla madre, ad accettare la realtà esterna pian pianino senza esserne traumatizzato, comprendendo di essere un individuo separato da lei.

La coperta di Linus

La coperta di Linus è il simbolo per eccellenza dell’oggetto transizionale. Spesso anche un pezzo di stoffa, un panno può rappresentare per il bambino “un’ancora di salvezza” e diventare dunque la “copertina della salvezza”, da cui non si riesce a separare.

LEGGI ANCHE: Cos’è e come usare il doudou

Sono un'educatrice per l'infanzia. Adoro i bambini ed il loro fantastico mondo. Lavoro attualmente in un asilo nido ed ho ampia esperienza nel campo dell'animazione e dei servizi ricreativi in generale. Pronta per iniziare anche quest'avventura con Passione Mamma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *