scuolabus

Arezzo, bambino di 3 anni dimenticato sullo scuolabus per 6 ore

Arezzo, il bambino rimane sullo scuolabus per 6 ore

Dramma sfiorato ad Arezzo, dove un bambino di soli tre anni è stato dimenticato dall’autista sullo scuolabus sul mezzo. Il piccolo è rimasto chiuso nel pullman che avrebbe dovuto portarlo alla scuola materna per ben 6 ore. L’autista, una volta arrivati davanti all’edificio scolastico, ha parcheggiato lo scuolabus, non accorgendosi che il piccolo era invece rimasto a bordo. La terribile vicenda è accaduta a San Giovanni Valdarno, a pochi chilometri da Arezzo. Ad accorgersi che il piccolo non era mai entrato alla materna è stata la mamma, quando è andata a scuola per riprendere il piccolo. La donna, non trovando il figlio, si è immediatamente allarmata, contattando i carabinieri. In pochissimo tempo le forze dell’ordine si sono accorte che il piccolo che era ancora sul pullman. Il bimbo è stato trovato seduto sul sedile, proprio dove era stato lasciato la mattina, con la cintura di sicurezza ancora allacciata. Il piccolo era impaurito e in lacrime, ed è stato portato in ospedale.

Leggi anche: Autista ha un infarto mentre guida lo scuolabus, ma riesce a salvare i bambini

Il bambino sta bene

Dopo le 6 lunghissime ore passate sullo scuolabus, il bambino è stato portato in ospedale. Fortunatamente, a parte una grandissima paura, il piccolo non ha riportato conseguenze, e sta bene.

Autista e accompagnatrice non si sono accorti di aver lasciato il bambino sul mezzo

Non solo l’autista: sul mezzo di Autolinee Toscane c’era anche l’accompagnatrice di una cooperativa. Né l’autista né l’accompagnatrice si sono accorti di aver lasciato il piccolo sull’auto. Proprio la donna che avrebbe dovuto accompagnare il piccolo a scuola è stata sospesa dal servizio. L’azienda ha inoltre avviato un’indagine interna per verificare le responsabilità dell’autista. I genitori del piccolo hanno annunciato che presenteranno una denuncia contro i due.

Leggi anche: Bambino dimenticato nello scuolabus

arezzo scuolabus

Quanto accaduto è un fatto grave, inammissibile, che non rimarrà impunito. Abbiamo contattato la famiglia, a cui abbiamo manifestato ed espresso la nostra vicinanza e solidarietà e presentato le scuse più sentite, l’impegno ad assumere tutte le iniziative affinché quanto accaduto non debba più ripetersi. Ci siamo accertati delle condizioni del bambino e abbiamo dato massima disponibilità per qualsiasi necessità e manifestato il necessario sostegno alla famiglia e al bambino.

ha dichiarato Jean-Luc Laugaa, amministratore delegato di Autolinee Toscane.

Leggi anche: Pullman in gita finisce fuori strada: paura per 32 bambini

L’Ad dell’azienda Autolinee Toscane ha anche contatto il sindaco, al quale ha manifestato la disponibilità a sostenere la famiglia del bambino, moralmente ed economicamente. L’azienda vuole che simili, drammatiche, vicende non si ripetano.

pullman scuola

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *