foto_mamma_piange

Spinge il figlio a terra e lo uccide: mamma ventiseienne arrestata

Catania, arrestata mamma di 26 anni

Dramma a Catania, dove una mamma di ventisei anni è stata arrestata con l’accusa di omicidio. La donna, infatti, ha lanciato a terra il figlio di tre mesi, uccidendolo. Stando a quanto riferito dalla polizia, il neonato è morto in ospedale il 15 novembre scorso, dopo essere stato ricoverato per delle ferite alla testa.

L’accusa

La notizia che ha viso l’arresto della donna è stata resa nota solo oggi dalla procura di Catania che ha eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti della mamma con l’accusa di omicidio aggravato. In un primo momento la ventiseienne aveva riferito che il piccolo si era fatto male in modo accidentale cadendo dalle sue braccia.

Leggi anche: Prende figlio di un’amica in braccio, ma il piccolo cade e muore: uomo si uccide per i sensi di colpa

I fatti

In realtà, sarebbe stata lei stessa a spingere volontariamente il piccolo per terra, uccidendolo. I giudici sono arrivati a questa conclusione dopo aver ascoltato i soccorsi che sono intervenuti subito dopo l’incidente. La polizia di Borgo-Ognina ha condotto le indagini, coordinate dal procuratore Carmelo Zuccaro.

foto_poliziotto

Le parole degli inquirenti

Secondo quanto scrivono gli inquirenti della Procura di Catania:

C’è stata una continuità di azione dell’indagata, che attesa anche la tenerissima età del figlio, agiva di certo al fine di ucciderlo con dolo intenzionale e, comunque, si è rappresentata l’evento omicidiario come realizzabile con elevato grado di probabilità o anche con certezza come conseguenza diretta ed immediata della propria azione con dolo diretto

.

Ciò significa che la donna avrebbe agito cosciente del fatto di uccidere il piccolo, data la sua tenerissima età.

Leggi anche: Scivola sul corpo del figlio e lo uccide: incidente shock in un supermercato

Le parole della mamma

Avevo la mente oscurataa, non so spiegare cosa è successo. Non volevo uccidere mio figlio, non ho mai pensato di ucciderlo, lo amavo

ha detto la giovane ai Pm.

foto_tribunale_preston

Ai magistrati, stando a quanto riferito dal suo legale Luigi Zinno, la ventiseienne avrebbe ammesso di essersi sentita male e che la sua intenzione era quella di gettarlo sul letto, non a terra. L’omicidio è avvenuto in casa della nonna paterna della ragazza, che non è sposata e che non vive con il padre del neonato ucciso.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *