foto_litigio

Genitori si separano, il Giudice affida la casa al figlio minore

Matera, il Giudice affida la casa al figlio minore

Ha dell’incredibile quanto successo a Matera. Nell’ambito di una separazione tra due coniugi il Giudice ha scelto di affidare la casa al figlio minore della coppia. La sentenza del Tribunale di Matera entra così di diritto nella storia: non era mai successo infatti che fosse il figlio minorenne a poter restare stabilmente nel domicilio familiare.

I fatti

Con un decreto di omologazione emesso riguardo la separazione consensuale, saranno i genitori del figlio a doversi alternare in casa con una frequenza settimanale. A riferirlo è l’avvocato Luciano Vinci, che ha sottolineato come il giudice Giorgio Pica abbia anche stabilito che né la madre né il padre, dal reddito equivalente, dovranno versare il mantenimento al figlio.

Leggi anche: Mille euro per i genitori separati con figli a carico: come fare domanda

foto_genitori_separati

Nessuno dei due genitori dovrà versare il mantenimento

Come è possibile? Provvedendo direttamente al sostentamento del figlio durante il periodo che passeranno in casa con lui. In questo modo, dicono gli avvocati, nessun genitore sarà prevalente sull’altro, ed entrambi potranno godere di eguali diritti ed eguali benefici.

Con questo decreto è stato stabilito che, dopo la separazione, non ci sarà un genitore prevalente sull’altro, anche perché i tempi di frequentazione saranno assolutamente paritetici

ha evidenziato l’avvocato Vinci a Repubblica.

Leggi anche: Genitori separati, come superare le difficoltà per il bambino

foto_separati in casa

Il modello della “bigenitorialità perfetta”

Quello a cui si sono ispirati gli avvocati ed il giudice coinvolti nella sentenza è il modello della “bigenitorialità perfetta” francese, che in Italia ancora non è presente. La Lega qualche tempo fa ha presentato tuttavia il disegno di legge Papillon. Quest’ultimo, piuttosto contestato, normalizza di fatto l’affido condiviso sancendo e riscrivendo le regole previste dalla legge del 2006 sull’affidamento congiunto dopo un divorzio e si ispira proprio a quello in vigore in Francia.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *