foto_bambino_ospedale

Voleva un maschio ma nasce femmina: uomo schiaffeggia figlia e moglie

Prende a botte la figlia perché nata femmina

Una ferocia indicibile ed una rabbia totale nei confronti della moglie, minacciata ed schiaffeggiata. La colpa? Quella di aver dato alla luce una femmina, al contrario della volontà dell’uomo che desiderava un maschietto. E il padre non ha risparmiato neanche la neonata, malmenata nonostante la tenerissima età.

La storia

È quanto successo ad una donna, una immigrata residente a Milano insieme al marito. Secondo quanto scrive ilGiornale.it, gli inquirenti avrebbero la certezza che la donna sia stata presa a schiaffi perché la figlia è nata

di sesso femminile e non maschile.

foto_neonato_herpes

L’uomo è finito in manette dopo che la donna ha portato la piccola in ospedale ed ha raccontato il motivo delle violenze.

Leggi anche: Roma, botte e maltrattamenti a bambini: maestra agli arresti domiciliari

L’uomo è stato arrestato

L’uomo, H. A. A., un trentenne di origine afgana, è stato condannato a tre anni e otto mesi di carcere col rito abbreviato. H. A. A., che ha sposato la moglie a soli quindici anni in Afghanistan, l’avrebbe sottoposta insieme alla figlia ad

atti di violenza fisica e psicologica cagionandole un abituale stato di sofferenza.

Violenze indicibili ai danni della figlia e della moglie

Stando al resoconto degli inquirenti, l’apice delle violenze è stato raggiunto lo scorso marzo, quando l’afgano ha tormentato la piccola di casa

prendendola a schiaffi in quanto di sesso femminile e non maschile come il padre avrebbe voluto.

foto_pronto_soccorso

Al contempo, il trentenne minacciava la moglie:

Se chiami la polizia ti ammazzo… ti butto giù dal balcone

le diceva mentre la prendeva a calci e a pugni, talvolta ferendola con un coltello.

Leggi anche: Russia, la violenza su mogli e figli non sarà più reato

All’uomo è stato riconosciuto anche il reato di sequestro di persona e violenza sessuale. L’aggravante che ha fatto sì che l’uomo venisse condannato con rito abbreviato sta nel fatto che la vittime delle violenze fosse la coniuge.

Mi andava di farlo…

si è limitato a dire il trentenne dopo aver ferito la moglie alla gamba destra. Ora la donna e la figlia sperano in un nuovo inizio.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *