foto_bacio

Mamme, attenzione: i vostri figli non devono abbracciare o baciare chiunque

Non costringere i figli a abbracciare o baciare chiunque

Molto spesso i genitori, erroneamente, quasi costringono i figli a dare un bacio ad un amico, piuttosto che un parente. Ebbene, se rientrate nella categoria di mamme e papà che spingono i piccoli a dispensare baci e abbracci a chiunque, leggete bene questo articolo.

Perché evitare

Katia Hetter, una mamma blogger, ha voluto condividere con tutte le altre donne la sua storia. Di fronte al rifiuto della figlia di baciare la nonna, ha capito che probabilmente costringere i più piccoli a questa pratica quasi forzata può essere controproducente. La nonna della piccola, in questo caso, aveva già capito tutto, tanto da non offendersi.

Leggi anche: Neonato di 11 giorni contrae l’herpes e rischia di morire: colpa di un bacio

La testimonianza di una madre

Katia sottolinea come non si tratti né di maleducazione né di cattiveria, ma della gestione del proprio corpo e del contatto fisico con le altre persone, più o meno estranee. Per prendere consapevolezza della propria gestualità, infatti, non è necessario abbracciare, stare in braccio o dare baci a chiunque: questo infatti, alla lunga, potrebbe avere una ripercussione negativa sulla crescita emotiva e personale.

foto_bimbo bacio_controvoglia

Le conseguenze

Le estreme conseguenze di questi comportamenti potrebbero rivelarsi più gravi nei soggetti più sensibili, che potrebbero farsi sottomettere dall’altro genere oppure potrebbero diventare vittime di abusi sessuali. Il corpo di un’altra persona, sottolinea la mamma, non è un oggetto e dunque non si può costringere in nessun modo.

Leggi anche: Neonato di 16 mesi rischia la vita per un bacio: tempestive le cure della mamma

Cosa fare

Ecco perché è importante che la mamma ed il papà educhino i figli nel rispetto degli altri ma, in primis, di se stessi. Per creare un contatto fisico con un’altra persona non è necessario porgere la guancia o dare un bacio: una stretta di mano o un “batti il cinque” valgono lo stesso.

foto_bacino

Allo stesso tempo, chi non riceve gesti affettuosi dal bambino, che sia il nipote o il cuginetto, non deve offendersi: ognuno di noi ha la libertà di decidere cosa fare del proprio corpo. Anche un infante.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *