Lancia sedia alla prof e viene punito: sospensione, volontariato, 5 in condotta e Divina Commedia a memoria

Ragazzo lancia una sedia alla professoressa

Lancia una sedia e colpisce la spalla della sua insegnante di italiano e storia. Il ragazzo scrive una lettera e chiede scusa ma per lui vengono presi dei seri provvedimenti: due settimane di sospensione dalla scuola, attività di volontariato, 5 in condotta e imparare a memoria la Divina Commedia.

Violenza a scuola


Ennesimo episodio di violenza a scuola. Questa volta è accaduto in una Scuola Superiore di un paesino della Provincia di Monza e Brienza: un ragazzo di 16 anni ha letteralmente lanciato una sedia alla sua professoressa di italiano e storia, colpendola alla spalla mentre era girata verso la lavagna durante la lezione. Complici i compagni che nel frattempo avevano spento le luci in classe.

Il ragazzo viene punito

L’insegnante, dopo aver trascorso 5 giorni in ospedale per quanto accaduto, è rientrata a scuola ed ha preso provvedimenti per il ragazzo ed i suoi compagni. Al sedicenne sono toccate 2 settimane di sospensione dalle attività scolastiche e non solo. Infatti, per lui è stato pensato un intervento rieducativo che consiste nello svolgere lavori di volontariato, lavori socialmente utili fino a fine anno scolastico ed imparare a memoria un canto della Divina Commedia di Dante Alighieri.
Ovviamente non si esclude la bocciatura visto che è previsto anche un 5 in condotta nel primo quadrimestre.

Solo pagando per gli errori commessi si può proseguire a testa alta

Queste sono le parole del Preside della scuola.

LEGGI ANCHE: Alunno minaccia il professore

La lettera del ragazzo

Il ragazzo dopo quanto è accaduto ha scritto una lettera scusandosi con la sua insegnante di italiano e storia:

Non volevo ferire nessuno. Men che meno lei. Ho fatto una cosa stupida. Non era assolutamente mia intenzione farle del male. La prego, mi perdoni

Il sedicenne ha ammesso di aver sbagliato e di aver superato i limiti, dopodiché ha chiesto perdono anche all’intera scuola. La lettera è stata consegnata all’insegnante che però ha ugualmente proseguito con i provvedimenti stabiliti.

LEGGI ANCHE:Bullismo. consigli per i genitori

Sono un'educatrice per l'infanzia. Adoro i bambini ed il loro fantastico mondo. Lavoro attualmente in un asilo nido ed ho ampia esperienza nel campo dell'animazione e dei servizi ricreativi in generale. Pronta per iniziare anche quest'avventura con Passione Mamma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *