bambina fegato baby sitter

La bimba ha una rara malattia e la baby sitter le salva la vita

La bambina ha una rara malattia: la baby sitter la salva

Spesso tra bambini e baby sitter si instaura un rapporto di fiducia e affetto, un legame che va oltre il sangue e che sopravvive al tempo e alle difficoltà. Lo sa bene Kiersten Miles, una baby sitter di 22 anni che ha iniziato a lavorare presso la famiglia Rosko per mantenersi gli studi. La ragazza ha da subito instaurato un legame fortissimo con i tre figli della famiglia Rosko, e in particolare con la più piccolina, Talia, di soli 9 mesi. Essendo la più piccina, la bimba ha avuto più bisogno di Kiersten, e tra le due si è creato un rapporto speciale.

baby sitter

Leggi anche: La mamma allatta il figlio con il latte donato da altre donne

Quando hanno scoperto che la piccola aveva una malattia, la baby sitter non ha esitato a salvarla

Quando la famiglia Rosko ha scoperto che la piccola aveva una malattia rara al fegato, Kiersten si è offerta di aiutarla. La piccolina aveva bisogno di un trapianto e la baby sitter si è offerta di donarle una parte del suo, nonostante l’operazione e il processo non fosse affatto semplice. Kiersten si è sottoposta ad un test per capire se fosse compatibile con Talia. Le risposte hanno dato esito positivo: la baby sitter poteva donare parte del fegato alla bimba.

baby sitter donazione

Leggi anche: Come scegliere la baby sitter migliore

Kiersten e Talia si sono sottoposte ad un’operazione delicata

Talia e Kiersten nel gennaio 2017 si sono sottoposte ad un intervenuto durato ben 14 ore. Parte del fegato di Kiersten è stato impiantato in Talia. L’operazione è andata bene: la baby sitter è rimasta in ospedale per 5 giorni mentre la piccola per 9.

baby sitter dona fegato

Tutt’e due si sono riprese nel migliore dei modi e ora Talia è una bambina come le altre, che gioca, parla, cammina e scherza come se non fosse mai successo nulla.

La baby sitter, autrice di un gesto altruistico che ha salvato la vita alla bambina, ha raccontato la storia su Facebook. “Aiutare Talia è la cosa migliore che io abbia fatto” ha dichiarato Kiersten. La ragazza ha deciso di raccontare la sua storia perché: “Ogni condivisione diffonde maggiore consapevolezza sulla donazione di fegato e di organi in generale”.

Le due, già unitissime prima, dopo l’operazione si sono legate ancora di più: adesso Kiersten e Talia sono unite da qualcosa di ancora più forte.

bambina baby sitter

Questo articolo è stato verificato con:

  • https://www.universomamma.it/una-bimba-di-9-mesi-riceve-una-sentenza-di-morte-la-sua-babysitter-interviene/?fbclid=IwAR2rEcasky4DcoF4vgJGdPDMWKhCLWpP1XPHbeUNMmoENU_-UVQDJwFj62I

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *