bonus_mamma

Mamma a 14 anni, l’Inps le nega il Bonus Bebè: la storia

Salerno, adolescente diventa mamma a 14 anni

Lei è nata il 2 aprile del 2001, ed il 3 novembre del 2015 è diventata mamma. Francesca, giovane di quattordici anni, ha dato alla luce il suo primo figlio ormai tre anni fa: Giorgio, questo il nome scelto per il piccolo, è nato perfetta salute, ed oggi gode dell’amore della famiglia. Eppure, c’è un motivo che ha spinto la mamma di Francesca, nonché nonna del piccolo, a rivolgersi all’associazione Risparmiatori di Salerno: vediamo il perché.

foto_bonus_bebè

Un bonus negato

Romina P., donna trentottenne lavoratrice dipendente e madre di Francesca, si è rivolta all’INPS per richiedere il bonus bebè che spetta ad ogni mamma purché si rispettino determinati requisiti e non si superi un certo ISEE. La nonna, dunque, ha presentato domanda telematica per beneficiare dell’assegno di natalità per conto della figlia minorenne, secondo quanto stabilito dagli art. 1 L. 190/2014 e D.P.C.M. 27.2.2015. Entrambe, sia Romina che Francesca, sono anche in possesso dei requisiti di reddito familiare, per cui avrebbero diritto senza alcun tipo di problema all’agevolazione.

Leggi anche: Il reddito famigliare influenza studi e salute dei bambini: lo studio

foto_bonus_bebè

E invece l’INPS non ha accettato la richiesta. Secondo quanto fanno sapere dall’Associazione Risparmiatori, l’ente per la previdenza sociale ha comunicato alla donna che l’agevolazione richiesta non poteva essere erogata alla figlia Francesca, madre del piccolo Giorgio, data la giovanissima età dell’adolescente, non “censita” dall’INPS stesso in quanto studentessa. Ora la donna starebbe valutando insieme alla figlia il possibile ricorso ad eventuali azioni legali nei confronti dell’ente.

Bonus bebè: cos’è e come ottenerlo

Il Bonus Bebè è un sussidio mensile consistente in un assegno dato alle famiglie per ogni figlio nato, adottato o in affido.

Leggi anche: Bonus bebè, mamma domani e nido: novità sui ritardi dei pagamenti 2018

foto_bonus_figli

Il bonus viene corrisposto ogni mese fino al compimento del primo anno di età del piccolo, purché l’ISEE della famiglia sia non superiore a 25.000 euro. La domanda va fatto entro 90 giorni dalla data del parto, ma anche dopo: in quest’ultimo caso si perderanno inevitabilmente le prime mensilità del bonus.

Questo articolo è stato verificato con:

  • https://www.salernotoday.it/cronaca/salerno-madre-partorisce-14-anni-denuncia-inps-30-settembre-2018.html

Studentessa di Lettere a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *