vaccinazione

Vaccini, il Governo cambia idea: bimbi non immunizzati fuori dalle scuole

Vaccini, il Governo fa dietrofront e conferma l’obbligatorietà

Dietrofront importante del Governo, che dopo il decreto Milleproroghe presentato da Lega e M5S che avrebbe consentito di entrare a scuola anche senza vaccini, ha cambiato idea. Dopo le tante polemiche di queste ultime settimane, arrivate dall’opposizione del PD e da tantissimi genitori preoccupati per la salute dei loro figli, il nuovo Governo ha deciso di presentare un altro emendamento di segno opposto. I relatori del Decreto Legge Milleproroghe Vittoria Baldino e Giuseppe Bompane ne hanno presentato un altro opposto a quello approvato ad agosto. Ma cosa succede ora? Cosa dovranno fare i genitori? I vaccini restano obbligatori o no?

Leggi anche: Vaccini obbligatori, multe pesanti a chi non vaccina per ideologia

Vaccini obbligatori? Le novità

Oggi abbiamo presentato un emendamento al Milleproroghe in materia di vaccini che sopprime quello già approvato ad agosto al Senato. Questo al fine di trattare le politiche vaccinali con un provvedimento normativo ad hoc: il ddl che abbiamo già depositato al Senato e di cui si inizierà l’esame nel più breve tempo possibile.

ha spiegato Vittoria Baldino, una dei relatori del Milleproroghe.

Se il nuovo emendamento dovesse passare, come è probabile che sia, i vaccini resterebbero obbligatori e per iscrivere i propri figli all’asilo nido, alla materna o alla scuola dell’obbligo, ci sarebbe bisogno dell’immunizzazione.

Leggi anche: Vaccini obbligatori, cosa succede se non si è in regola

I bambini che vanno all’asilo nido e alla materna entreranno quindi solo se vaccinati, mentre chi frequenta la scuola dell’obbligo, ovvero elementari, medie e due anni di scuola superiore, (7-16 anni) entra ma i genitori saranno costretti a pagare una sanzione da 100 a 500 euro in caso di non vaccinazione.

I genitori avranno ancora (come per l’anno 2017-2018) la possibilità di attestare che i propri bambini sono in regola con le vaccinazioni tramite autocertificazione, ovvero una dichiarazione firmata, da presentare alle scuole entro il 10 marzo 2019. Chi presenta una dichiarazione falsa rischia la denuncia: i genitori che presenteranno l’autocertificazione non potranno dichiarare il falso perché il tutto verrà controllato attraverso l’anagrafe vaccinale.

vaccini obbligatori

Leggi anche: Vigili bloccano l’ingresso al nido di una bimba non vaccinata

I vaccini resteranno obbligatori: la comunità scientifica (e non solo) esulta

Il dietrofront del Governo ha fatto esultare gli esponenti del mondo scientifico e anche molti di quello politico.

Si tratta di una vittoria della scienza su ignoranza e pregiudizio grazie al mondo scientifico, della scuola e della cultura e grazie alle forze politiche che si sono battute per ristabilire il primato della salute collettiva.

ha detto l’ex Ministro della Salute Lorenzin, che ha promosso proprio l’obbligatorietà dei vaccini durante il suo mandato.

Nei confronti della scienza non possiamo esprimere indifferenza o diffidenza verso le sue affermazioni e i suoi risultati. Non sempre l’uomo interpreta bene la parte di Ulisse alla ricerca della conoscenza e nel saper distinguere il vero dal falso.

ha dichiarato il Capo dello Stato Sergio Mattarella.

vaccini

Questo articolo è stato verificato con:

  • https://palermo.repubblica.it/cronaca/2018/09/06/news/sanita_vaccini_obbligatori_per_la_scuola_dell_infanzia_niente_ingresso_senza_il_certificato-205725126/
  • https://www.corriere.it/scuola/primaria/18_settembre_05/vaccini-dietrofront-maggioranza.shtml?refresh_rum
  • http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-09-06/scuola-ecco-quali-sono-vaccini-obbligatori-e-quelli-raccomandati-083706.shtml?uuid=AEahfwkF

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *