Gatti e Bambini: avere un gatto in casa ha i suoi benefici

Prendersi cura del gatto fa bene

Tenere un gatto in casa e prendersi cura di lui ha i suoi benefici. Così indipendente e sfuggente, delle volte il gatto richiede attenzioni ed è molto affettuoso. Infatti, proprio le fusa del gatto hanno effetti positivi sulle persone. Inoltre, il gatto in casa migliora la vita ai bambini. Vediamo come e perchè.

Gatto in casa con i bambini

Il gatto è uno degli animali domestici più amati in assoluto. Così piccolo, morbido e con il suo miagolio riesce ad intenerire anche i bambini, che in effetti lo adorano.
Molti pensano che avere un gatto in casa sia pericoloso, soprattutto se ci sono dei bambini. Questo è parzialmente vero perchè sicuramente bisogna prestare delle attenzioni perché si tratta di un felino. Però è stato anche approvato che il gatto ha effetti positivi su adulti e bambini. Vediamo in che modo.

I benefici di avere un gatto in casa

1. Prendersi cura di un gatto aiuta a combattere la solitudine. Ecco perchè è particolarmente indicato alle persone che non hanno compagnia in casa. Anche se un gatto è un felino molto indipendente e non necessita di particolari attenzioni; è comunque un impegno e prendersi cura di lui è una responsabilità che aiuta le persone a sentirsi meno sole.

2. Il gatto ha effetti positivi su stress, ansia e tristezza. Questo perchè le fusa del gatto sono un antidoto contro il malumore. Si sa che le coccole sono rilassanti ed hanno benefici su una persona. Per lo stesso motivo, vivere con un gatto in casa migliora i sintomi della depressione.

foto_gatto_bimba

3. Avere un gatto in casa responsabilizza i bambini. Educare loro a prendersi cura di un animale domestico, come ad esempio dargli le giuste attenzioni e preoccuparsi del cibo, rende i bambini più responsabili.
I bambini adorano giocare con i gattini piccoli, che tra l’altro sono molto giocherelloni, ma occorre far capire loro che in realtà gli animali non sono giocattoli e che soprattutto non vanno trattati male: non vanno picchiati nè gli si deve tirare la coda.

La gattoterapia

foto_bimbo_gatto
La gattoterapia forse non è nota quanto l’ippoterapia. Infatti, se ne sente parlare poco ma anche i gatti come i cavalli vengono impiegati come terapia per bambini e non solo. Questi felini, ad esempio, aiutano a migliorare lo stato di salute di soggetti con autismo o con disturbi di neuro-sviluppo come l’ADHD (meglio conosciuto come Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività).

LEGGI ANCHE: I benefici dell’ippoterapia

Sono un'educatrice per l'infanzia. Adoro i bambini ed il loro fantastico mondo. Lavoro attualmente in un asilo nido ed ho ampia esperienza nel campo dell'animazione e dei servizi ricreativi in generale. Pronta per iniziare anche quest'avventura con Passione Mamma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *