foto_bonus_renzi

Bonus 80 euro riconfermato per il 2019 ma cambia: ecco come funziona

Bonus 80 euro nel 2019

Il bonus 80 euro voluto dal passato Governo Renzi verrà riconfermato anche nel 2019. Nessuna cancellazione dell’agevolazione che, tuttavia, subirà delle modifiche: chi ha già fatto domanda però non perderà il bonus con il passaggio al nuovo sistema, come sottolineato dal Ministro Giovanni Tria. Ecco tutto quello che bisogna sapere sul bonus 80 euro per il 2019.

bonus 80 euro

Le modifiche

Il bonus di 80 euro introdotto dal Governo Renzi prevedeva un esborso in busta paga della suddetta cifra. Ora, secondo le nuove normative, questo importo verrà scalato direttamente dalle tasse. Il ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria ha sottolineato quanto sia necessario rimodulare l’agevolazione per motivi di “riordino tecnico”.

Leggi anche: Bonus assistenza disabili: cos’è e come funziona e a chi spetta

Cosa cambia allora? È bene innanzitutto ribadire che le modifiche non sono ancora ufficiali ma in via di discussione. Il Governo Conti pare comunque intenzionato ad elargire il bonus attraverso un sistema di riduzione fiscale, per un totale di circa 900 euro annui di sconto sulle tasse. Al momento restano pochi i dettagli sul bonus: ma rivediamo insieme di cosa si tratta.

Chi ha diritto al Bonus

Il Governo Renzi aveva previsto che dal 1 gennaio 2018 a tutti i lavoratori dipendenti che avessero un reddito annuo tra gli 8.174 e i 24.600 euro potessero venissero elargiti in busta paga 80 euro in più al mese e, proporzionalmente a calare, a tutti i contribuenti con reddito fino a 26.600 euro.

Probabilmente la scelta dell’attuale governo, e cioè quella di elargire il bonus sotto forma di detrazione fiscale, è stata stata determinata dai numerosi problemi riscontrati a riguardo, tra cui la restituzione della cifra da parte degli “incapienti” (cioè di tutti quei lavoratori che hanno prodotto un reddito superiore a quello previsto dal sussidio) e da parte di coloro che avevano compilato male la domanda.

Leggi anche: Bonus bebè 2018 ritardi: quando saranno pagate le mensilità arretrate

bonus 80€

A chi spetta il Bonus

Il Bonus Renzi spettava a tutti i lavoratori assimilati e dipendenti a tempo determinato, lavoratori a progetto, percettori, soci di cooperative, percettori di indennità di mobilità o cassa integrazione, disoccupati. E poi ancora colf, badanti, baby sitter, titolari di assegni legati a formazione professionale e borse di studio e le Forze dell’Ordine. Probabile che, anche per il 2019, le categorie interessate siano le stesse.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *