foto_hotel_virgilio

Sperlonga, tredicenne muore risucchiata dal bocchettone della piscina

Sperlonga, dramma per una tredicenne

Morta perché risucchiata dal bocchettone della piscina. Questo è il tragico destino che ha messo fine alla vita di Sara Francesca Basso, una tredicenne che stava trascorrendo le vacanze estive insieme ai genitori a Sperlonga, località marittima nel sud del Lazio.

I fatti

Stava trascorrendo qualche ora nella piscina del Virgilio Grand Hotel, alta 1,5 metri. All’improvviso, il bocchettone della piscina (ampio circa venti centimetri) è entrato in funzione, spingendo la ragazza al fondo e impedendole di tornare a galla. Inutile il tentativo di un turista americano, che ha provato a tirar fuori la giovane che però aveva già bevuto tantissima acqua.

Tempestivi i soccorsi, che hanno trasportato la ragazza in eliambulanza al policlinico “Gemelli” di Roma, dove è morta qualche ora dopo. Una tragedia sulla quale ora indagano gli inquirenti: si cerca di capire, in particolare, perché il bagnino non fosse presente al momento del fatto.

foto_ragazza_sperlonga

Leggi anche: Bimba in fin di vita dopo incidente in piscina: l’allarme della mamma

Quattro gli indagati

Secondo quando fa sapere l’ANSA, sono quattro gli indagati per la morte della studentessa che abitava a Morolo, in provincia di Frosinone: l’ipotesi di reato è di omicidio colposo. Nella struttura nella quale si è consumata la tragedia, già due anni fa vennero a galla presunte irregolarità e lavori abusivi. Nel 2014, poi, i carabinieri avevano bloccato il tentativo di realizzare nove stanze in più; anche la Spa risultava essere irregolare.

foto_sperlonga

Leggi anche: Bimba di 14 mesi rischia di morire in una piscina gonfiabile

Ora l’autopsia

Ciononostante, sia la struttura che il proprietario della stessa – finito tra i quattro indagati della vicenda – sono considerati tra i migliori della zona. A giorni sarà effettuata l’autopsia sul corpo della ragazza per verificare se la giovane possa essersi sentita male prima di entrare in piscina, o se il decesso sia dovuto interamente all’incidente avvenuto nella vasca nella quale la tredicenne è stata ritrovata priva di sensi, con il costume incastrato al bocchettone.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *