parlare bambino

Parlare una seconda lingua come la prima? Sì, ma entro i dieci anni

Parlare una seconda lingua a partire dai dieci anni

Essere in grado di parlare una seconda lingua esattamente come la prima è possibile, ma entro i dai dieci anni d’età. È questa la conclusione a cui sono giunti alcuni ricercatori del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge (Usa), secondo i quali iniziare ad apprendere una lingua dopo questo limite d’età sarebbe poco utile.

Lo studio

Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista specialistica Cognition, è stato svolto su un campione di quasi settecentomila individui che hanno svolto un test online, fornendo alcuni dati personali tra cui l’età. Il test non era nient’altro che un quiz, al termine del quale è emerso che, secondo gli esperti, esiste un periodo di tempo durante il quale è possibile iniziare a comprendere ed imparare una seconda lingua.

Leggi anche: Non tutti i bambini piangono allo stesso modo: dipende dalla lingua della mamma

Questo arco temporale è quello che, stando a quanto detto dagli esperti, va dalla nascita fino ai 18 anni di età. Tuttavia, se si vuole imparare una seconda lingua come fosse la prima, è consigliabile farlo entro i dieci anni di vita, quando la mente è più elastica e riesce ad adattarsi meglio.

Dai dieci ai diciotto anni: ecco cosa succede

Al contrario dai dieci ai diciotto anni – nonostante si sia molto giovani – la mente umana ritroverebbe delle difficoltà in più nell’apprendimento di una nuova lingua. In questo caso, dunque, non si riuscirebbe a parlarla in modo fluido come fosse la prima lingua.

Leggi anche: 4 modi per insegnare l’inglese al proprio figlio, senza saperlo parlare

L’importanza di sapere una seconda lingua

Molti ricercatori sono concordi nel dire che è importante per ognuno di noi conoscere una seconda lingua. L’apprendimento di una grammatica straniera, infatti, cambia completamente il modo di vedere il mondo. Secondo gli esperti dell’Università di Newcastle, quelli che utilizzano una secondo lingua per comunicare pensano diversamente dagli altri. In questo caso, non è nemmeno necessario esprimersi correttamente nella seconda lingua.

Studentessa di Lettere a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *