spiderman

Spiederman regala un sorriso ai bambini in ospedale

Spiederman negli ultimi anni ha incontrato 10 mila bambini malati

Questa è la storia di Ricky Mena, meglio conosciuto come Spidey. Si tratta di un ragazzo travestito da Spiderman, che ha una storia incredibile da raccontare. Lui è realmente un supereroe e lo è per tanti bambini speciali: bambini gravemente malati, che vivono ormai negli ospedali e che hanno tanto bisogno di sorridere…

Ricky Mena: chi è

Ricky Mena

Ricky Mena è un ragazzo americano di 34 anni. È nato a Fort Knox, nel Kentucky, ma vive in California ed ha stravolto la sua vita per dedicarsi ai bambini malati nei reparti pediatrici degli ospedali americani.
Ha lavorato molti anni in una palestra come personal trainer ma il destino ha voluto che, indossando gli abiti di un noto supereroe, si occupasse di bambini che avevano bisogno di un sorriso in più.
La sua è una storia che ha dell’incredibile e che merita di essere raccontata.

La storia di Ricky Mena

Ricky ha vissuto un’infanzia difficile, dovendo combattere la malattia della madre.
Purtroppo conosceva molto bene gli ospedali, visto che molto spesso faceva compagnia alla sua mamma.
Aveva una passione: leggere i fumetti dei suoi super eroi preferiti.
Tutto però ha inizio nel 2014. Ricky lavorava in una palestra come allenatore ma si sentiva incompleto, qualcosa in realtà gli mancava.
A stravolgergli la vita è un sogno. Ricky sogna la sua nonna, morta pochi mesi prima, che lo accompagna in un ospedale per portare gioia ai bambini bisognosi. In questo sogno Ricky era travestito da Spiederman, il noto personaggio Marvel amato anche dai più piccoli.

Spidey

Di lì a poco Ricky, motivato dal sogno fatto, si decide a cercare un costume reale di Spiderman e ci riesce.
Trova, infatti, chi è disposto a cucirglielo su misura, ma al prezzo di 1400 dollari.
La cifra è molto alta, ma è altrettanto alta la sua voglia di far gioire i bambini in ospedale e quindi decide di vendere la sua auto, una Dub Chrysler 300.

Spidey incontra i bambini in ospedale

Una volta pronto l’abito di Spidey, Ricky inizia a contattare tutti gli ospedali della zona ma riceve molti “no” per la sua mancata esperienza con i bambini.
Sebbene scoraggiato, Ricky non molla perché sa che questo è il suo destino: aiutare i bambini a sorridere.
Infatti, nell’ottobre del 2014 arriva la prima telefonata. Un suo cliente in palestra, gli chiede di far visita al nipote Godson in ospedale, un bambino gravemente malato.
Inizialmente Ricky ha avuto qualche problema con il permesso di fargli visita ma alla fine la missione è stata compiuta.
L’emozione di veder sorridere il piccolo aveva convinto ancora di più Ricky: la sua vita era realmente destinata ad aiutare i bambini malati.
Ed infatti, negli ultimi quattro anni Spidey ha fatto visita a ben 10 mila bambini.

LEGGI ANCHE: La clownterapia per bambini in ospedale

Spiderman: un vero supereroe

Spiderman consola i bambini

Ricky nel giro di poco tempo è riuscito, grazie anche all’enorme visibilità permessa dai social, di farsi conoscere sempre più. In un recente post su Facebook, il nostro eroe ha citato una bellissima frase di Madre Teresa di Calcutta:

Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno.

In pochi anni Spidey è riuscito a conquistare non solo la fiducia di moltissimi genitori, ma anche quella degli ospedali. Alcuni di questi gli hanno chiesto di far visita ai loro bambini ogni mese.
La gioia che Spidey trasmette a questi piccoli è immensa, così come sono immensi i sorrisi che riesce a donare.
Rapidamente tutti hanno notato che le visite di questo fantastico supereroe sollevavano lo spirito non solo dei bambini bisognosi, ma anche delle loro famiglie.

“Cuore di un eroe”

cuore di un eroe

Inizialmente Ricky Mena aveva creato una pagina “Go Found Me”, attraverso la quale poteva raccogliere delle donazioni per acquistare dei regali che poi portava ai bambini in ospedale.
Queste federe ne sono un esempio: raffigurano i supereroi più amati dai bambini e sono state regalate proprio a loro, per rendere più coraggiosa la permanenza in ospedale.

federe supereroi

Con il passare del tempo poi Ricky ha deciso di fondare un’associazione no-profit, senza scopo di lucro, che oggi conta più di 500 adesioni.
Il suo nome è Heart of Hero, ovvero “cuore di eroe” la cui missione è quella di motivare i bambini che ne hanno più bisogno.
Bambini malati, malati terminali, ma anche senzatetto o che attendono di essere adottati.

L’enorme impegno che questa associazione richiede ha costretto Ricky ad abbandonare la carriera da personal trainer ed a cercare un lavoro notturno.

La storia di Charly

Tante sono state le visite che Spidey ha fatto ai bambini malati terminali in ospedale.
In particolare, la storia di Charly lo ha segnato particolarmente.
Charly Derenge aveva 9 anni ed un tumore al cervello. Ricky ha passato con lui gli ultimi giorni della sua vita, rimanendo al suo fianco e tenendogli la mano fino all’ultimo suo respiro.
La morte del piccolo lo ha sconvolto ed infatti ha dichiarato:

Il suo funerale è stato il primo funerale di bambini a cui avessi partecipato. Mi ha fatto a pezzi ma mi ha riempito di senso del dovere e ho capito che dovevo continuare con bambini come lui.

Dopo il funerale di Charly e la morte di altri bambini che ha conosciuto, Ricky ha iniziato ad avere attacchi d’ansia e ha deciso di prendersi una pausa.
Nell’ottobre 2017, infatti, gli è stato diagnosticato il DPTS cioè il disturbo da stress post-traumatico.

Una pausa che però è durata solo qualche mese, dopodiché il nostro supereroe ha iniziato ad indossare nuovamente il suo costume da Spiderman.

Spidey e il bullismo

bullismo

Le buone azioni del nostro Spidey non si fermano qui.
Infatti, per affrontare e risolvere il fenomeno del bullismo, Ricky Mena ha avviato un’iniziativa che sta coinvolgendo numerose scuole della California, e non solo.
Nell’ultimo anno, ha tenuto moltissimi discorsi anti-bullismo proprio per cercare di sensibilizzare i bambini e fermare il fenomeno, purtroppo molto diffuso.

Sono un'educatrice per l'infanzia. Adoro i bambini ed il loro fantastico mondo. Lavoro attualmente in un asilo nido ed ho ampia esperienza nel campo dell'animazione e dei servizi ricreativi in generale. Pronta per iniziare anche quest'avventura con Passione Mamma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *