foto_amelia

Bambina muore a 15 mesi per un cerotto antidolorifico: la disperazione della mamma

Muore a 15 mesi: indossava un cerotto antidolorifico

Non si dà pace la mamma di una bambina di quindici mesi, morta in seguito ad una intossicazione dovuta al Fentanyl, un analgesico oppioide sintetico contenuto nei classici e diffusi cerotti antidolorifici. La piccolissima vittima, Amelia Cooper, è stata trovata morta nel suo lettino.

Cosa è successo

Ad Amelia è stato messo dalla mamma un cerotto antidolorifico al cui interno c’era del Fentanyl. La donna aveva applicato il cerotto in una zona del suo corpo protetta dal pigiama. Questo, poi, si sarebbe staccato e sarebbe finito sul corpo della piccola, che è entrata così in contatto con la sostanza chimica contenuta al suo interno. Probabilmente potrebbe essere stato anche un semplice abbraccio ad aver fatto in modo che il cerotto si staccasse e si posizionasse sul corpo della vittima.

Il rapporto dei medici

Un rapporto di tossicologia effettuato sul corpo della bambina, secondo quanto riporta il Sun, ha rivelato tracce di farmaco presente nel sangue della piccola ma non nel suo stomaco. Il dott. Debbie Cook, patologo, ha detto in udienza al Tribunale dei magistrati di Bodmin che:

Non ci sono state lesioni esterne che hanno contribuito alla morte, non c’erano malattie naturali. Il farmaco può causare una riduzione della respirazione, una riduzione della pressione sanguigna e in alcuni casi convulsioni, ma quando i livelli diventano alti potrebbe portare al coma o, come in questo caso, può essere fatale

La causa del decesso

Sono ancora ignote le dinamiche che hanno portato al decesso, causato però certamente da un’intossicazione da Fentanyl, ritrovato in dosi eccessive nel corpicino della vittima. Il medico legale Emma Carlyon ha fatto sapere che non è stato ancora possibile determinare il modo in cui il cerotto è stato applicato alla pancia di Amelia. Quel che è certo, è che la quantità di Fentanyl contenuto nel sangue della vittima sarebbe risultato fatale anche per un adulto.

Leggi anche: Bimbo ustionato con acqua bollente dalla mamma: il tragico errore FOTO/VIDEO

foto_bimba_amelia

Cos’è il Fentanyl

Il Fentanyl fa parte della famiglia degli analgesici ed è un oppioide sintetico potentissimo, da cinquanta a cento volte più potente della morfina. Negli ultimi anni, addirittura, questa sostanza si sta diffondendo come droga: spesso è stata spacciata per morfina, o per eroina. In medicina, il Fentanyl o è impiegato per cerotti transdermici, pastiglie o lecca-lecca. La sola inalazione di questo analgesico può risultare fatale, come per il caso di Amelia.

Leggi anche: A 16 mesi si ustiona con l’acqua per la pasta: l’errore della mamma

La disperazione dei genitori

I genitori di Amelia, per cui è stata aperta un’indagine, non riescono a darsi pace per quanto accaduto. La mamma della piccola continua a sostenere di aver “ucciso la figlia“, mentre il papà si ritiene colpevole di aver negato la vita alla bambina per la loro negligenza e per la loro disattenzione.

Ora la mamma vuole che la tristissima vicenda di Amelia possa servire a tutti gli altri genitori. La storia della quale si è ritrovata tristemente protagonista sta facendo il giro del mondo. Questo tipo di cerotto, infatti, deve essere fissato in modo saldo e sicuro in modo tale che farmaco possa essere assorbito dalla pelle. Un tragico errore della mamma, dunque, è costato veramente caro alla figlioletta, volata via troppo presto.

Studentessa di Lettere a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *